Goffredo Fofi in “Capitini, Tolstoj, Gandhi: che cos’è la disobbedienza civile” al Kismet per la rassegna 'Anime salve'

Dopo ''Le relazioni meravigliose'' e “Quello che veramente ami” parte la terza edizione della rassegna di Nicola Lagioia, scrittore e presidente onorario di Teatri di Bari, al teatro Kismet – Opificio per le arti.

Ogni anno quattro intellettuali tengono una lezione spettacolo su temi contemporanei o personaggi esemplari, quest’anno il titolo scelto da Lagioia è “Anime Salve - Storie di donne e uomini in lotta col proprio tempo". S’inizia venerdì 11 gennaio con Goffredo Fofi in “Capitini, Tolstoj, Gandhi: che cos’è la disobbedienza civile” (ore 21, ingresso 5 euro, info 080.579.76.67). Saggista, critico teatrale e cinematografico, disincantato osservatore politico, Fofi (Gubbio, 1937) è una delle personalità più attive e combattive della cultura italiana, oggi dirige la rivista «Lo straniero», fa il consulente editoriale, scrive su diversi giornali.  

I prossimi appuntamenti: 7 febbraio con Loredana Lipperini “Rovesciare il tavolo, appunti per una letteratura militante. Il caso di Ursula K. Le Guin”; 7 marzo un incontro su Fabrizio De André con Dori Ghezzi, Giordano Meacci e Francesca Serafini, 11 aprile al Kismet fa tappa Rosella Postorino per un incontro dal titolo “I sommersi e i salvati del Terzo Reich: il caso delle assaggiatrici”.

“In un'epoca attraversata da tensioni violente - a cui non sono estranei fantasmi che credevamo relegati nel passato, come razzismo e xenofobia -, e in cui la prevaricazione dell'uomo sull'uomo e il rifiuto di ogni complessità sono il motore della politica e del discorso pubblico, le grandi anime di un passato anche molto recente sono per tutti noi un antidoto. In epoche anche più problematiche di quella in cui viviamo c'è chi è riuscito a ricondurre il caos del proprio tempo alle ragioni della convivenza civile, della democrazia, della giustizia sociale, delle buone pratiche, dell'arte, dell'attenzione verso gli ultimi, e persino dell'amore disinteressato. Di loro verranno a parlarvi i protagonisti di "Anime salve". E poi, insieme al pubblico, ogni sera, si cercherà di immaginare un futuro che sia degno di essere vissuto”, spiega Nicola Lagioia.

NOVITA’

Quest’anno Nicola Lagioia organizza una rassegna con lo stesso format anche al Teatro Radar inaugurato di recente a Monopoli e gestito da Teatri di Bari. 
Il progetto si intitola: “Stagioni diverse su come l'arte di raccontare storie cambia la nostra vita” e parte il 18 gennaio con Matteo Nucci, “Nell'abisso di Eros”, su come gli antichi greci (da Omero a Platone, dai tragici ai lirici) codificarono il più potente, misterioso e ingovernabile dei sentimenti umani.

A seguire ci saranno Loredana Lipperini (8 febbraio), Dori Ghezzi (8 marzo) e lo stesso Nicola Lagioia (5 aprile).

INFO
Teatro Kismet, strada San Giorgio Martire 22/F
info 080.579.76.67
www.teatridibari.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Sul canale youtube del Tpp tutti gli spettacoli del “Puglia Showcase Kids” raccontati dalle compagnie

    • dal 12 maggio al 12 giugno 2020
    • canale YOUTUBE del TPP
  • Desdemona e Cola Cola in streaming dal Teatro Abeliano

    • 8 giugno 2020
  • The problem 'Una coppia in commedia' in scena a Palazzo Pesce

    • 3 luglio 2020
    • Palazzo Pesce - Location Eventi

I più visti

  • Tiziano Ferro in concerto a Bari con il suo 'TNZ 2020'

    • 3 luglio 2020
    • Stadio San Nicola
  • “Sagra della Ciliegia Ferrovia”, l’oro rosso di Puglia arriva a tutti i cittadini pugliesi attraverso la modalità “Express”

    • dal 6 al 11 giugno 2020
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • Riapre al pubblico la Fondazione Pino Pascali con 55 Love del Premio Pino Pascali Zhang Huan

    • dal 26 maggio al 30 giugno 2020
    • Fondazione Museo Pino Pascali
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento