“Biopic – cinema d’arte”: al Cineporto, l’omaggio al capolavoro di Mick Davis

  • Dove
    Cineporto
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 14/05/2015 al 14/05/2015
    Ore 20.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni
    Sito web
    apuliafilmcommission.it

“Il futuro dell’arte è nei volti delle donne. Dimmi, Picasso, come potresti amare un cubo?” Nella provocazione a colui che nel film viene presentato come il più acerrimo nemico di Modì, al secolo Amedeo Modigliani, anche una dichiarazione di intenti del proprio stile: quella insistente deformazione delle figure che, postumo, ne avrebbe decretato l’unicità dello stile e il successo mondiale.

Imprescindibile l’omaggio tutto italiano a uno dei più grandi artisti del XX secolo. “Modigliani – I colori dell’anima” (2004) di Mick Davis è la pellicola protagonista del quarto appuntamento di Biopic – Cinema d’Arte, giovedì 14 maggio alle 20.30  al Cineporto di Bari. La rassegna, ideata e promossa dall’associazione PugliArte, è realizzata con il sostegno di Apulia Film Commission. Come consueto, la proiezione sarà introdotta da un esperto del settore. Presente in sala il critico d’arte Ludovico Pratesi. Ingresso gratuito (fino a esaurimento posti).

Il film, costato undici milioni di euro e coprodotto da sei paesi, è ambientato nella Parigi dei primi anni Venti. Pur se romanzata e concedendosi qualche licenza e collisioni temporali, la trama mostra l’ultimo periodo di vita del pittore (e scultore, pur se nel film non si menziona). Così come si perdona all’affascinante interprete, Andy Garcia, di mostrare qualche anno in più dei trentasei che Modì aveva al tempo della storia raccontata quando, di lì a poco, morì di tubercolosi. Al centro della storia la rivalità con Picasso (Omid Djalili) e l’amore con Jeanne Hébuterne (Elsa Zylberstein), malvisto dal padre di lei per le sue origini ebraiche. Una vita dissoluta, consumata tra malattia e l’uso di droghe e alcool, fino all’insuccesso (in vita) della propria arte percepita come oscena e fuori tempo. Tra gli interpreti anche Eva Herzigová (la moglie di Picasso).

Una biografia ri-pensata per il grande pubblico, che punta tutto sui topos amore-morte incorniciandola in una colonna sonora “emotiva” e una fotografia che rimanda ai toni seppia delle vecchie stampe demodè, ideali per essere rapiti dal fascino di un caffè parigino bohemienne. Merito speciale e non ultimo dei geni italiani Giantito Burchiellaro e Luigi Marchione “che – dice il regista in un’intervista all’uscita del film – hanno costruito tutto quello che avevo in mente, e quello che volevo era qualcosa che fosse allo stesso tempo reale e surreale”.

Bio

Scozzese di Glasgow, Mick Davis, classe 1961 è anche produttore e sceneggiatore. Conosciuto per Invisible (2007) e il precedente Den osynlige (2002).

Ospiti

Curatore e critico d'arte. Direttore artistico del Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro e Direttore della Fondazione Guastalla per l'arte contemporanea.

Dal 2009 al 2011 è stato curatore scientifico di palazzo Fabroni di Pistoia.

Dal 2006 al 2010 è stato Presidente dell’AICA.

Vice presidente dell'AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiana).

Critico del quotidiano La Repubblica.

Info: www.pugliarte.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • Nuovi sapori da Panacea a Modugno

    • dal 29 al 31 maggio 2020
    • Panacea Ristròt dal 2017
  • Riapre al pubblico la Fondazione Pino Pascali con 55 Love del Premio Pino Pascali Zhang Huan

    • dal 26 maggio al 30 giugno 2020
    • Fondazione Museo Pino Pascali
  • La Rete Civica Urbana di Carrassi, San Pasquale, Mungivacca non si ferma: le attività si trasformano da fisiche a online

    • dal 4 al 31 maggio 2020
    • online
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento