Mondo dell'arte in lutto, morta la gallerista Marilena Bonomo

Si è spenta ieri all'età di 86 anni. Nel 1971 aprì a Bari la sua galleria, che negli anni ha ospitato molti artisti inediti per l'Italia e per l'Europa

Si è spenta ieri, all'età di 86 anni, la gallerista barese Marilena Bonomo. Conosciuta in Italia e all'estero per la sua attività, era una figura di riferimento nel panorama culturale barese.

Nel 1971 inaugurò la sua galleria in via Nicolò Dell'Arca con una prima mostra che includeva artisti italiani e stranieri considerati nuovi in quegli anni, e oggi personalità di spicco dell'arte contemporanea: Barry, Bochner, Boetti, Buren, Darboven, Dibbets, Fabro, Huebler, Lewitt, Paolini, Ryman, Weiner.

Durante questi anni si sono avvicendati nella galleria Bonomo molti artisti inediti per l’Italia e per l’Europa, e opere provenienti dalla galleria Bonomo sono state collocate in sedi prestigiose ad Atene, Amsterdam e New York.

Numerosi i progetti curati da Marilena Bonomo nell'ambito di collaborazioni con le istituzioni locali, a cominciare dal Comune di Bari. E' stato grazie alla sua amicizia con Sol Lewitt che l'artista ha regalato alla città di Bari un 'wall drawing' che si trova nella Sala Murat.

Dal 2000 il FAI, Fondo per l’Ambiente Italiano, si avvale della collaborazione artistica della Galleria Bonomo per la presentazione di edifici di valore storico restaurati e restituiti alla città. Nel 2002 in collaborazione con il curatore Ludovico Patesi la Galleria ha contribuito all’installazione della mostra “I Dormienti” di Mimmo Paladino presso il Fortino S. Antonio. Oggi a portare avanti l'impegno di Marilena Bonomo per l'arte sono le sue figlie, Sandra e Valentina.