Le icone e le ampolle della manna di San Nicola in mostra, Decaro: "Promuoviamo la città"

L'esposizione si terrà nel colonnato del Palazzo della Città metropolitana. Fino al 14 maggio verranno esibite più di quaranta icone e una ventina di ampolle appartenenti a collezionisti privati baresi

"La mostra è diventata un appuntamento fisso e un’ulteriore occasione di promozione per la nostra città e per la terra di Bari": con queste parole il sindaco metropolitano Antonio Decaro ha inaugurato questa mattina l'esposizione dedicata alle reliquie nicolaiane, che rimarrà aperta fino al 14 maggio prossimo nel colonnato del Palazzo della Città metropolitana. Il riferimento alla promozione del territorio non è casuale: a visitarla saranno anche i delegati internazionali ospiti a Bari del summit del G7.

Una mostra organizzata grazie alla generosità dei collezionisti privati, che hanno concesso all'architetto Franco Altobelli - il curatore - di esporre più di 40 icone e una ventina di ampolle della manna di San Nicola, tra cui un’icona del XIV secolo di proprietà della Pinacoteca metropolitana di Bari e altre risalenti al XIX secolo. L'iniziativa è stata promossa per il secondo anno dalla Commissione Culture del Comune di Bari. All’inaugurazione della mostra sono intervenuti: il presidente della commissione Cultura del Comune, Giuseppe Cascella, la presidentessa dell’associazione culturale italo-ellenica “Pitagora” di Bari, Sarina Garufi, il responsabile della progettazione della mostra, l’architetto, Franco Altobelli, il presidente dell’associazione “Mondo antico e tempi moderni”, Nicola Cutino, e la presidentessa dell’associazione “Porta d’Oriente”, Cettina Fazio Bonina.

Nell'ambito della mostra sono previste una serie di attività collaterali: un laboratorio di iconografia e la lettura e rappresentazione dei miti e delle leggende di San Nicola ( in programma il 14 maggio e curata dal regista Vito Signorile".

“Questo è un anno particolare - ha spiegato Decaro - perché San Nicola si rimette in viaggio: il 21 maggio, infatti, una reliquia del Santo sarà prima a Mosca e, poi, a San Pietroburgo. In un’epoca di egoismi e di venti di guerra sempre più minacciosi la Chiesa ha voluto lanciare un messaggio di pace e di concordia proprio attraverso la figura del nostro santo patrono, il santo dell’ecumenismo, che avvicina al dialogo diverse religioni".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Aborto e obiezione di coscienza, no del Consiglio regionale alla proposta per garantire legge 194

  • Cronaca

    Tribunale di via Nazariantz verso lo sgombero per i lavori, il procuratore: "Al 90% chiudiamo e andiamo"

  • Sport

    Bari-Cittadella, parte la vendita dei biglietti ma è caos sul playoff coi veneti

  • Green

    Coste baresi sporche, Greenpeace: "A Pane e Pomodoro oltre la metà dei rifiuti è di polistirolo"

I più letti della settimana

  • Sui banchi dal 20 settembre, la Regione fissa il calendario del nuovo anno scolastico

  • A bordo della Ferrari si scontra con un furgone: incidente mortale a Palo del Colle

  • Un medico del Miulli è il miglior cardiologo d'Italia: Massimo Grimaldi vince i Top Doctor Awards

  • Quattro giorni dedicati al cibo di strada: a parco 2 Giugno torna 'Gnam'

  • Timbrava il cartellino, poi si allontanava dal posto di lavoro: arrestato medico al 'Di Venere'

  • Ragazzina violentata per oltre un anno e mezzo a Bari: due a processo

Torna su
BariToday è in caricamento