giovedì, 24 aprile 19℃

A Polignano torna "Il Libro Possibile", quattro giorni di eventi dedicati alla cultura

Al via stasera l'undicesima edizione del festival che per quattro serate animerà il borgo antico con incontri ai quali prenderanno parte oltre 200 ospiti tra giornalisti, scrittori e personaggi dello spettacolo

Redazione11 luglio 2012

Sarà un'edizione "all'insegna dell'ottimismo" quella del festival “Il libro possibile”, che da stasera fino al 14 luglio tornerà ad animare il borgo antico di Polignano a Mare. La manifestazione, dopo undici anni di collaudato lavoro ed esperienza, non muta la sua formula vincente: quattro le serate in cui si avvicenderanno le più note firme del giornalismo, della tv, del mondo della letteratura e dello spettacolo impreziosendo l'incantevole borgo antico con momenti di confronto e dibattiti sempre improntati alla divulgazione e all'intrattenimento leggero del pubblico; un pubblico ogni anno sempre più presente, attento, esigente e pronto alle novità pensate dallo staff organizzativo (Rosella Santoro, direttrice artistica, Gianluca Loliva, Gabriella Genisi e Giuseppe Pascale) per offrire serate di intrattenimento trasversale e per tutti i palati. La novità è l'anticipo alle 20.30 degli appuntamenti in piazza, proprio per permettere agli oltre 200 protagonisti di prendersi il giusto spazio di fronte al pubblico.

L'ottimismo passa anche da un campo di calcio, da un pallone che rotola sull'erba, da sensazioni fortissime che tornano alla mente da ben 30 anni. Spagna 1982. Ai Mondiali di calcio l'Italia spiazza tutti e conquista la coppa più importante. E' una intera nazione che sogna. A Polignano per celebrare quell’11 luglio di trent’anni fa, giorno della finale con la Germania, ci sarà Paolo Rossi, capocannoniere e protagonista di quel torneo, che presenterà il libro di ricordi “1982. Il mio mitico Mondiale” (23.30 piazza S. Benedetto, presenterà già vice direttore di RaiSport Gianpiero
Bellardi).

Un altro autore che ha raccontato le gesta di grandi sportivi (uno su tutti Diego Armando Maradona) e che in questa occasione parlerà di argomenti meno nazional-popolari e più culturali sarà Gianni Minà con “Latinoamerica”, la rivista che dà voce all’informazione negata (21.30 piazza S. Benedetto, con Rosella Santoro e Michele De Feudis).

Monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Bojano, è l’autore di “Non possiamo Tacere” il racconto-testimonianza di un uomo del Nord che diventa vescovo a Sud, a Locri. Un interessante appuntamento presentato dal direttore del TgNorba Vincenzo Magistà (21.00 piazza S. Benedetto) e discusso dal Procuratore di Bari Antonio Laudati.

Alle 23.15 in piazza S. Benedetto (con Rosella Santoro e Maurizio Gianotti) ci sarà l’omaggio del Festival a Giorgio De Rienzo, il noto critico letterario e scrittore scomparso un anno fa, il primo a credere nelle potenzialità aggreganti e divulgative del “Libro possibile”. Nel primo anniversario della sua morte verrà lanciato dalla moglie Vittoria Haziel il premio in suo onore: il vincitore, individuato in base alle caratteristiche più vicine a Giorgio De Rienzo nel coraggio nel dire, laicità, chiarezza di scrittura e sintesi, sarà premiato nella prossima edizione del festival.

L’ex senatore e magistrato Giuseppe Ayala ripercorrerà i difficili anni del suo lavoro alla lotta alla mafia e la successiva attività di parlamentare, mettendo in evidenza strane analogie e avvenimenti documentati nel suo nuovo libro “Troppe coincidenze” (22.45 Piazza S. Benedetto, con il caporedattore di ‘la Repubblica’ di Bari Stefano Costantini). E’ uno degli appuntamenti che rientra nel tema 'giustizia' per ricordare la strage di Capaci a 20 anni dal suo compimento.

Il direttore di Affari & Finanza di Repubblica Marco Panara con il suo “La malattia dell’occidente” e la sociologa Chiara Saraceno con “Cittadini a metà” discuteranno di lavoro e giustizia sociale con Ernesto Longobardi, professore di Scienze delle Finanze e di Economia Tributaria Internazionale dell’Università di Bari (22.00 piazza S. Benedetto).

Il tema della salute sarà affrontato poi da un giornalista molto noto e attento alle tematiche sociali come Michele Cucuzza che presenterà "Il male curabile”, un interessante reportage che illustra nuove tecniche terapeutiche contro
la lotta al cancro applicate negli USA. Nello stesso incontro (22.00 piazza dell’Orologio, con la giornalista Donatella Azzone) Maria Rosaria De Luca racconterà la sua personale esperienza con la malattia dalla quale è guarita documentando nel suo “C’era una volta il cancro” foto straordinarie e pillole di speranza.

L’autore televisivo Maurizio Gianotti porterà in piazza dell’Orologio (22.30) in prima nazionale “La Tv ai tempi del Web 2.0” discutendo delle novità del mondo della comunicazione e dei mass media nell’era del digitale. Presenterà la giornalista Donatella Azzone.
 

Annuncio promozionale

Polignano a Mare
eventi culturali

Commenti