“Gnam!", torna a Bari il festival europeo del cibo di strada

Da venerdì 18, a lunedì 21 maggio torna a Bari “Gnam! Festival europeo del cibo di strada”. La rassegna, che gode del patrocinio del Comune di Bari e del Municipio II, è in programma in viale Einaudi, nell’area antistante l’ingresso di parco 2 Giugno. Alla sua seconda edizione nel capoluogo pugliese, GNAM! offrirà il meglio del panorama nazionale e internazionale, con cibo e preparazioni di qualità elevata ed espositori pluripremiati.

Durante le quattro giornate i visitatori potranno seguire i percorsi del gusto e assaporare nuove scoperte tra gli stand, ricchi di tipicità culinarie. La manifestazione, che ha iniziato nel 2014 il suo tour di sapori in giro per l’Italia conquistando anche il patrocinio di Expo, dopo Roma e Milano ha scelto Bari per continuare a proporre il meglio dello street food italiano e internazionale.

L’evento si propone di valorizzare la conoscenza delle tradizioni alimentari come elementi culturali ed etnici, puntando sulla biodiversità e sulla genuinità dei prodotti agro-alimentari tipici regionali. In questo modo, tra i sedici stand, gli ospiti potranno degustare e scoprire non solo prodotti tipici regionali introvabili ma anche i piatti internazionali più noti, in vere e proprie isole gastronomiche, nelle quali osservare dal vivo la preparazione delle ricette più golose e ascoltare il racconto dei produttori.

Tra le eccellenze pugliesi figurano certamente le bombette della Valle d’Itria. Tra Alberobello e Martina Franca, gli antichi fornelli dei macellai, a tarda sera, si trasformano in osterie, dove nella brace profumata di legno d’ulivo si cuoce l’involtino di carne, ripieno di un formaggio canestrato tipico. GNAM! ospiterà un mastro fochista dell’associazione “Quelli della Bombetta” che segue sin dall’inizio il tour attirando, nel tempo, l’attenzione dei media di tutto il mondo. Sempre dalla Puglia, ci saranno i cuoppi di fritti di mare, dal pescato dell’Adriatico, panzerotti e pasticciotti.

Dalla Sicilia, invece, i famosi pane e panelle, pane ca’ meusa, cannoli preparati con la ricotta fresca, arancini di vario tipo dell’Antica Focacceria San Francesco: un nome noto in tutto il mondo, una vera e propria icona del gusto, ai cui tavoli sedevano costantemente gli scrittori Leonardo Sciascia e Luigi Pirandello. In tempi recenti, è stata frequentata anche dai giudici Falcone e Borsellino, diventando, per questo, un simbolo della lotta alla mafia.

Il peperoncino sarà il protagonista assoluto dello stand della Calabria, dove la ‘nduja arricchisce diversi panini, assieme al tartufo della Sila e alla crema di cipolle di Tropea. Dalla Campania giungeranno la gustosa e ricca mozzarella di bufala ma anche i dolci tipici della pasticceria napoletana, dal babà in varie declinazioni alla pastiera, alla sfogliatella e aragostina croccanti.

Dal Centro Italia arrosticini abruzzesi preparati direttamente dall’allevatore ovino, che cura tutta la lavorazione della carne. Non mancheranno le olive ascolane, mentre il Molise presenterà il caciocavallo impiccato, pronto a sciogliersi sul pane dop. La carne di chianina sarà protagonista con gli hamburger anche per piccoli (il cittino è memorabile), ma dalla Toscana sarà possibile assaggiare anche il famoso lampredotto bollito sul posto. Da non perdere lo gnocco fritto con gli affettati emiliani dop, condito dalla simpatia dello chef che non intende condividere con nessuno la ricetta segreta della nonna.

Visitare Gnam! significa anche fare un suggestivo viaggio nelle culture gastronomiche di altri Paesi. Nell’isola internazionale, infatti, saranno presenti le specialità messicane come tacos e burritos ma anche paella e tapas provenienti dalla Spagna, cotte in due gigantesche padelle e innaffiate di sangria o tinto de verano. Si continua tra le spade infilzate di carni per l’asado argentino, mentre dal Venezuela si potranno assaggiare i churros e le arepas. Nello stand Ungheria si potranno, invece, gustare i famosi dolci kurtoskalacs. Infine, le specialità greche, con le ricette originali di moussaka, gyros pita, souvlaki.

La novità di questa edizione del festival è la cucina giapponese, con il buns di stracotto di maiale, il buns di gamberi, i gamberoni in tempura, le polpettine di polpo fritte, il pollo fritto karage e i dorayaki, i dolcetti di Doraemon.

Gnam! è caratterizazato da un livello di selezione molto elevato per quanto riguarda il prodotto tipico, perché alla base c’è una scelta altrettanto severa per la partecipazione.

Ogni espositore si avvale di prodotti a chilometro zero del proprio territorio.

La manifestazione propone una scelta molto vasta di cibo di strada (tanti sono i piatti anche per vegani e vegetariani), adatta a tutti i gusti e tutte le tasche. Ogni ricetta risponde a rigorose regole di lavorazione, igiene e freschezza.

Orari di apertura del festival

  • venerdì 18 maggio, dalle ore 18 alle ore 24
  • sabato 19 e domenica 20 maggio, dalle ore 12 alle ore 24
  • lunedì 21 maggio, dalle ore 18 alle ore 24.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sagre, potrebbe interessarti

  • A Sannicandro di Bari appuntamento con la 32a Sagra delle Olive

    • fino a domani
    • dal 12 al 14 ottobre 2018
  • A Ruvo di Puglia la 14^ Edizione della Sagra del Fungo Cardoncello

    • dal 10 al 11 novembre 2018
  • A Bari vecchia la 1^ Sagra delle brasciole in Piazza Cattedrale

    • 20 ottobre 2018
    • Piazza Cattedrale, 28

I più visti

  • A Bari i gatti più belli del mondo alla settima edizione dell’Esposizione Internazionale Felina

    • oggi e domani
    • dal 13 al 14 ottobre 2018
    • Palaghiaccio
  • Claudio Baglioni in concerto a Bari: tripla data al Palaflorio

    • dal 6 al 8 novembre 2018
    • Palaflorio
  • Thegiornalisti in concerto a Bari con il loro nuovo "Love Tour 2018"

    • dal 31 ottobre al 2 novembre 2018
    • Palaflorio
  • Appuntamento con le "Giornate Fai d'autunno 2018": i luoghi visitabili a Bari e provincia

    • oggi e domani
    • dal 13 al 14 ottobre 2018
    • Varie
Torna su
BariToday è in caricamento