Settimana santa a Molfetta

La processione più antica rimane quella del Venerdì Santo dei Misteri dell’Arciconfraternita di Santo Stefano. Ad essere porte in spalla in processione dai confratelli sono cinque statue lignee rappresentanti i Misteri dolorosi realizzate, tranne una, nella seconda metà del XVI secolo da autore ignoto. Alle ore 3, 00 del mattino dal sagrato della chiesa di S. Stefano, ha inizio la processione del Cristo nell’Orto degli Ulivi, Della Flagellazione, l’Ecce Homo, il Cristo al Calvario e il Cristo Morto. Le statue si muovono lente per le strade del centro sulle note delle marce funebri.

25/03/2016 ore 3.30
Processione dei Cinque Misteri
Chiesa di S. Stefano

Le statue, portate in spalla dai confratelli dell’ARCICONFRATERNITA DELLA MORTE, sono in cartapesta, pregevoli opere dello scultore molfettese Giulio Cozzoli. Nell’ordine processionale sono San Pietro, la Veronica, Maria di Cleofe la santa porta gli oli che serviranno alla tumulazione di Cristo Gesù; Maria di Salomè porta la corona di spine e i chiodi che hanno trafitto il Cristo, Maria Maddalena, San Giovanni, il discepolo prediletto che ha seguito Gesù fino alla Croce, la confraternita di “Sant’ Antonio” porta in spalle questa statua e il suo camice è tutto bianco e infine La Pietà che risale al 1908.

26/03/2016 ore 11.15
Processione della “Pietà”
Chiesa del Purgatorio

 (dal sito settimanasantainpuglia.it)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Tiziano Ferro in concerto a Bari con il suo 'TNZ 2020'

    • 3 luglio 2020
    • Stadio San Nicola
  • “Sagra della Ciliegia Ferrovia”, l’oro rosso di Puglia arriva a tutti i cittadini pugliesi attraverso la modalità “Express”

    • dal 6 al 11 giugno 2020
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • Riapre al pubblico la Fondazione Pino Pascali con 55 Love del Premio Pino Pascali Zhang Huan

    • dal 26 maggio al 30 giugno 2020
    • Fondazione Museo Pino Pascali
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento