Il Trio di Parma di scena a Monopoli nel Chiostro di Palazzo San Martino per il Festival Ritratti

Il trio è stata la formazione per eccellenza dell’Ottocento, molto utilizzata anche per le trascrizioni di pagine sinfoniche. E in questo solco si muove il Trio di Parma, ensemble erede del leggendario Trio di Trieste, di scena a Monopoli, giovedì 2 agosto (ore 21), nel Chiostro di Palazzo San Martino, per il Festival Ritratti diretto da Massimo Felici e Antonia Valente per l’associazione Euterpe nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro.

Vincitore nel 1994 del Premio Abbiati, l’Oscar della musica classica in Italia, e formato da Ivan Rabaglia (violino), Enrico Bronzi (violoncello) e Alberto Miodini (piano), il Trio di Parma propone un programma dedicato alle trascrizioni storiche di due pagine di Liszt, il poema sinfonico «Orphée» nella versione di Camille Saint-Saëns e «La vallée d’Obermann» adattata dallo stesso autore, Tre capricci di Egon Wellesz e il celebre Trio «dell’Arciduca» di Beethoven, tra i capolavori di questo genere per grandezza dell’impianto formale, ma anche per inventiva, espressività e varietà timbrica.

Una varietà che i tre musicisti parmensi tireranno fuori anche attraverso le straordinarie sonorità dei due strumenti ad arco. Ivan Rabaglia suona, infatti, un prezioso violino realizzato da Giovanni Battista Guadagnini a Piacenza nel 1744, mentre Enrico Bronzi utilizza un violoncello di Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775.

L’ensemble, uno dei complessi italiani dalla carriera internazionale di maggior prestigio, si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio Arrigo Boito di Parma e in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una prolifica attività discografica, concerti con i più grandi artisti del mondo e, parallelamente, con un costante impegno didattico nei Conservatori di Novara, Gallarate, al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole. Tra i riconoscimenti ottenuti, non solo l’Abbiati, ma anche le affermazioni nei Concorsi internazionali di Melbourne, Lione, ARD di Monaco e «Vittorio Gui» di Firenze.

Biglietti 10 euro (ridotti 5 euro). Info www.ritrattifestival.it.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Gigi D'Alessio live al TeatroTeam di Bari

    • 18 aprile 2020
    • TeatroTeam
  • Didone, storie d’amore e d’abbandono a Palazzo Pesce

    • 18 aprile 2020
    • Palazzo Pesce - Location Eventi
  • Palazzo Pesce scandisce il “Tempo da Bach a Piazzolla”

    • 25 aprile 2020
    • Palazzo Pesce - Location Eventi

I più visti

  • Le opere di Joan Mirò protagoniste a palazzo Monacelle di Casamassima

    • dal 17 gennaio al 26 aprile 2020
    • palazzo Monacelle
  • N.0 gallery - street art lab visiting

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2019 al 23 ottobre 2020
    • n.0 GALLERY
  • I colori e le emozioni in libertà di Joan Miró arrivano a Gioia del Colle, Casamassima e Turi

    • dal 20 dicembre 2019 al 26 aprile 2020
    • La mostra è visitabile rispettivamente a Palazzo Monacelle di Casamassima, Palazzo San Domenico di Gioia del Colle e Chiesa di Sant’Oronzo di Turi.
  • Spettacoli, incontri con grandi scrittori contemporanei e appuntamenti per i più piccoli: ecco la stagione del Kismet

    • dal 4 gennaio al 18 aprile 2020
    • Teatro Kismet
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BariToday è in caricamento