Il consulente del lavoro: gli studi e la professione

Come diventare consulente del lavoro: tutte le informazioni utili per intraprendere questa carriera lavorativa


Oggi le aziende richiedono sempre più la figura professionale del l consulente del lavoro. Questo professionista si occupa di coadiuvare grandi e piccole aziende nella gestione del personale nel rispetto delle leggi vigenti in materia.

Le sue mansioni vanno, ad esempio, dalla gestione delle risorse umane all’elaborazione delle buste paga, dal versamento dei contributi previdenziali alle comunicazioni con gli enti quali Inps, Inail e Agenzia delle Entrate.

Requisiti per diventare un consulente del lavoro

Per diventare un consulente del lavoro è necessario il conseguimento di un titolo universitario. Non essendo prevista una laurea specifica si consigliano facoltà come: scienze dei servizi giuridici, scienze dell’economia e della gestione aziendale, economia, giurisprudenza, scienze politiche e delle relazioni internazionali, teoria e tecniche della formazione e dell’informazione giuridica.

Una volta conseguita la laurea, si passa al praticantato necessario per poter accedere all’Esame di Stato ed essere così inseriti nell’Albo di categoria. Il praticantato consiste in un tirocinio non superiore ai 18 mesi, presso lo studio di un consulente o di uno dei professionisti indicati dall’art. 1 della legge 12/1979.

È, inoltre, necessario iscriversi al registro dei praticanti per attestare il periodo di tirocinio presso uno studio accreditato. È possibile anche svolgere la pratica durante gli studi.

Il passo successivo consiste nel superamento dell’Esame di Stato necessario per poter esercitare la professione e iscriversi all’Ordine dei Consulenti del Lavoro e al relativo Albo professionale.

L’Esame di Stato viene svolto nelle commissioni territoriali formate da membri del Ministero del Lavoro, dell’Inps, dell’Inail e da un professore ordinario di materie giuridiche. Sono previste due prove scritte ed una orale.

Al superamento dell’esame, come abbiamo detto, bisogna iscriversi all’Albo dei consulenti del lavoro, secondo la Legge n. 12/1979.

Infine oltre all’iscrizione all’albo dei consulenti del lavoro è obbligatoria anche la formazione professionale continua, fissata in un tetto minimo di 50 crediti formativi da raggiungere entro due anni.

Consulente del lavoro: i libri più venduti sul web

Manuale del consulente del lavoro. Programma completo per la prova scritta e orale

Consulente del lavoro. Programma completo per la prova orale

Consulente del lavoro. 2ª prova scritta. Diritto tributario

Le offerte formative delle Università baresi

Università degli Studi di Bari: i vari dipartimenti 

Politecnico di Bari: orientamento

Università Lum

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università: sempre meno iscritti alle ai corsi di laurea che offrono più possibilità lavorative

  • Studenti italiani: 1 su 4 non raggiunge la sufficienza in scienze e molti sono scarsi nella lettura

  • Professione Militare al Salone dello Studente 2019 di Bari

Torna su
BariToday è in caricamento