Sospensione del mutuo per 18 mesi: chi può e come richiederla

Il 'Cura Italia' prevede la possibilità per alcune categorie di lavoratori (ed a determinate condizioni) di ottenere la sospensione del pagamento delle rate del mutuo fino a 18 mesi

Il decreto 'Cura Italia', varato lo scorso 16 marzo, prevede la possibilità di sospendere le rate del mutuo per 18 mesi a chi ha subito una sospensione dal laovoro o una riduzione dell'orario di lavoro ma anche per i lavoratori autonomi o liberi professionisti che autocertificano di aver registrato, nel trimestre successivo al 21 febbraio 2020, un  calo del proprio fatturato superiore al 33% rispetto al fatturato dell'ultimo trimestre del 2019.

La sospensione può essere per un massimo di 18 mesi e deve riguardare il finanziamento per l'acquisto della prima casa (con un importo non superiore a 250.000 euro).

E' inoltre necessario che il mutuo sia in ammortamento da almeno un anno al momento della presentazione della domanda.

Sospensione del mutuo per 18 mesi - Requisiti

- aver perso il lavoro, essersi visti cessare il rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato o parasubordinato, quello di rappresentanza o agenzia

- essere stati sospesi dal lavoro o avere avuto una riduzione dell'orario per un periodo di almeno 1 mese

- morte o handicap di invalidità civile non inferiore all'80%

- lavoratori autonomi o liberi professionisti che nell'ultimo trimestre hanno avuto un calo di fatturato del 33% rispetto a quello realizzato nell'ultimo trimestre 2019

La domanda dovrà essere effettuata attraverso un apposito modulo che il Consap non ha ancora predisposto perchè si è in attesa del decreto attuativo.

Si applicherà ai mutui a tasso fisso, variabile, misto, alla surroga, ai mutui cartolarizzati ed ai prestiti di credito al consumo o finalizzati (con durata di almeno 24 mesi).

Sarà infatti il Fondo di solidarietà a pagare alla Banca il tasso applicato al mutuo con esclusione della componente 'spread'. 

Prima di avere una risposta, positiva o negativa, dovrebbero trascorrere circa 25 giorni.

La domanda verrà respinta se colui che la richiede usufruisce già di agevolazioni pubbliche o ha stipulato una assicurazione a copertura del rischio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

Torna su
BariToday è in caricamento