Moto d'epoca: come richiedere l'iscrizione

Quella delle moto d'epoca è una passione che una volta scoperta non ti abbandona più. Ecco come entrare a far parte di questo mondo.

©Giuseppe Pedone

Se hai una Vespa o una moto storica e vuoi iscriverla al registro moto d’epoca scopri come fare in questa piccola guida. Scoprirai una serie di vantaggi come quello di accedere a assicurazione e bollo a prezzi vantaggiosi, utilizzare il mezzo in situazioni speciali di limitazione del traffico, ottenere l’interesse collezionistico e essere affiliato a motoclub di moto storiche. Vediamo in maniera dettagliata, i procedimenti per iscrivere i propri mezzi ai due organi di iscrizione al registro moto d’epoca: l’ASI e la FMI.

L’iscrizione all’ASI

All’ASI sono iscrivibili  (Automotoclub Storico Italiano) tutti i ciclomotori che con più di vent’anni compiuti dalla data di costruzione o di prima immatricolazione. Con una quota di 41,32 euro sci si può iscrivere presso uno dei club federati presenti in tutte le regioni d’Italia. A questa cifra bisogna aggiungere la quota del club, che varia in base a quello a cui si è iscritti, sulla base delle singole esigenze.

L’ASI dopo l'iscrizione rilascia diversi certificati tra cui il Certificato di Identità del veicolo, il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica, la carta FIVA ossia il documento di riconoscimento del veicolo e la Carta di Storicità per Ciclomotori.

Quanto costa? Per ottenere il Certificato di Rilevanza Storia, ASI richiede un versamento di 60 euro, ai quali devono essere aggiunti 10 euro nel caso in cui ci fosse la necessità di reimmatricolare il mezzo. La ricevuta di pagamento andrà poi allegata alla documentazione da presentare al momento della richiesta di iscrizione del mezzo.

L’iscrizione alla FMI

Possono iscriversi al Registro Storico FMI (Federazione Motociclistica Italiana) i motoveicoli che hanno compiuto i 20 anni di età. La FMI pubblica ogni anno una lista delle motociclette di “interesse storico”. Se il modello della vostra moto si trova nell'elenco delle motociclittte storiche allora potrete iniziare la pratica. La lista dei motoveicoli di interesse storico non va confusa con quello che è il “Registro Storico FMI” ovvero l’elenco che contempla esclusivamente le moto iscritte precedentemente dai tesserati FMI.

Per iscrivere il proprio veicolo ci sono diverse procedure da poter seguire ciascuna con un costo d’iscrizione. E' necessario tesserarsi alla FMI e, una volta terminato l’iter, registrare il mezzo. I prezzi variano dai 50 euro per chi ha la tesserea, ai 110 euro circa per chi non è ancora tesserato. L’iscrizione può avvenire anche online in una ventina di giorni, al costo di 60 euro altrimenti basta recarsi in uno dei motoclub presenti in Italia e avviare la pratica ma occorrono mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

  • Coronavirus, caso sospetto a Bari: accertamenti su paziente ricoverata al Policlinico, rientrava dalla Cina

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Ludovica volata via a soli 18 anni, il Ministero le concede il diploma alla memoria: "Una borsa di studio in suo onore"

  • La dea bendata bacia anche Rutigliano: sbancato il gratta e vinci, fortunato si aggiudica 2 milioni di euro

Torna su
BariToday è in caricamento