Come donare l'8x1000

Allo Stato o ad un'istituzione religiosa, la scelta dell'otto per mille è libera. Tutte le informazioni

Quando molti di voi si trovano ad utilizzare il modello 730 o il modello Redditi P.F. per la dichiarazione dei redditi capita che non esprimano la propria scelta per quanto riguarda l’otto per mille.
Questo avviene spesso per distrazione oppure per alcuni secondo una scelta consapevole basata sull’errata convinzione che così si evita di pagare un ulteriore otto per mille, aggiuntivo rispetto alle tasse dovute.
Non è proprio così. In realtà si pagano comunque le tasse, ma si può scegliere di destinare l’otto per mille di quanto dovuto a chi si vuole fra lo Stato o una istituzione religiosa.

Ma cos'è quindi l'8 per mille? E' la percentuale dell'imposta fissa sui redditi delle persone fisiche che i contribuenti possono donare ad alcune attività di rilievo sociale e culturale dello Stato italiano o di una confessione religiosa che li utilizzerà per finalità di culto, sociali e culturali.

Ecco l'elenco delle attività a cui poter donare:

  • Stato
  • Chiesa Cattolica
  • Unione delle Chiese cristiana avventiste del 7° giorno
  • Assemblee di Dio in Italia
  • Chiesa valdese
  • Chiesa Evangelica Luterana
  • Unione delle Comunità ebraiche
  • Sacra arcidiocesi ortodossa
  • Chiesa Apostolica
  • Unione cristiana Evangelica Battista
  • Unione Buddista
  • Unione induista

Se non si esprime la propria  preferenza, l’otto per mille delle tasse viene devoluto comunque, non in base alla propria scelta ma proporzionalmente alle scelte espresse, scelgono gli altri per te. 

Meglio non distrarsi quindi,  non illudersi su un risparmio inesistente e scegliere. 

Il cinque per mille 

Si parla sempre del cinque per mille di quanto comunque è dovuto, che possiamo indirizzare a enti di volontariato, ricerca o di interesse sociale. 
Il dichiarante deve indicare il Codice Fiscale dell’ente prescelto fra i numerosissimi possibili beneficiari.  

Il due per mille

Possiamo devolvere il due per mille di quanto dovuto a favore di un partito politico indicandone il codice. 

Sia per il cinque per mille che per il due per mille, differentemente a quanto accade per l’otto per mille, solo gli importi relativi ai contribuenti che hanno espresso la loro scelta andranno come indicato mentre gli importi di chi non ha dato indicazioni resteranno nelle casse dello stato.

I contribuenti che non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi 2019 possono in ogni caso scegliere di destinare il 2, 5 o 8 per mille compilando il modello messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e consegnandolo in busta chiusa entro il 31 ottobre 2019 presso gli uffici postali o ad un intermediario abilitato (Caf, commercialista, ecc).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

Torna su
BariToday è in caricamento