Il Popolo della Famiglia di Noicattaro chiede al sindaco di riferire ai cittadini sulla situazione degli alloggi di residenza pubblica

Tra poche settimane molti cittadini saranno costretti a vivere sotto i ponti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Il Popolo della Famiglia di Noicattaro il giorno 15.10.2019 ha protocollato una Richiesta di impegno formale che impegna il comune a conferire nel prossimo consiglio comunale che si terrà giovedì 17 ottobre sul perché non sono stati ancora assegnati gli alloggi di residenza popolare. Sono molte le famiglie o le persone in difficoltà economica con disabilità che non possono permettersi non solo l’acquisto di una casa di proprietà ma anche l’impegno di un affitto ai prezzi attuali di mercato. Per far fronte all’emergenza abitativa che colpisce sempre più famiglie di Noicattaro, giovani e anziane e disabili, e per aiutare chi si trova in situazioni spesso molto difficili, il Comune di Noicattaro ha realizzato la struttura sita in via della Stazione. Facciamo presente che i cittadini hanno già da tempo fatto richiesta formale e che le graduatorie di aggiudicazione non sono state ancora rese pubbliche. Il Referente Cittadino del Popolo della Famiglia Giuseppe Mazzei afferma: “Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza abitativa, siamo davvero stanchi, nonostante i nostri numerosi appelli il Comune non ci fornisce delle risposte” e conclude “ a quanto pare la vita dei bisognosi non ha alcun valore, sono stati spesi dei soldi pubblici, indetto un bando ma il Comune non vuole dare seguito agli impegni presi. Il Popolo della Famiglia di Noicattaro protesterà in maniera silenziosa durante il consiglio comunale che si terrà giovedì 17. Vogliamo ed esigiamo delle risposte, non possiamo più aspettare, ci sono famiglie che per colpa della nostra amministrazione tra pochi mesi saranno costretti ad andare ad abitare sotto dei ponti, invitiamo la cittadinanza a partecipare”.

Torna su
BariToday è in caricamento