Aqp, dalla Consulta stop alla legge sulla ripubblicizzazione

La Corte Costituzionale dichiara illegittimi tre articoli della legge regionale sulla gestione del servizio idrico integrato. L'assessore Amati: "Sul tema dell'acqua bene comune serve intervento legislativo del Parlamento"

La Corte costituzionale boccia la legge sulla ripubblicizzazione di Aqp. La Consulta, infatti, ha dichiarato illegittimi tre articoli della legge regionale n.11 del 20 giugno 2011, intitolata 'Gestione del servizio idrico integrato. Costituzione dell'Azienda pubblica regionale 'Acquedotto pugliese - Aqp''.

In particolare, secondo il giudizio della Suprema Corte, non è possibile affidare direttamente, con una norma di legge, la gestione del 'Servizio idrico integrato' ad un ente pubblico regionale controllato dalla stessa Regione, così come viola competenze dello Stato il subentro dell'Azienda pubblica regionale 'Acquedotto pugliese' (Aqp) nel patrimonio e nei rapporti della Acquedotto pugliese spa; viola tra l'altro il principio della selezione per concorso nel comparto pubblico anche il relativo passaggio dell'organico dalla vecchia società all'azienda pubblica.

A sollevare la questione  della legittimità costituzionale della legge pugliese era stata la presidenza del Consiglio dei ministri, che aveva presentato ricorso alla Consulta. Di conseguenza, la Corte costituzionale ha anche dichiarato "cessata" la materia del contendere sulla questione di legittimità costituzionale dell'articolo 5, comma 6, lettera 'g', della legge regionale pugliese n. 9 del 30 maggio 2011 (Istituzione dell'Autorità idrica pugliese) - sollevata con altro ricorso sempre dal governo - in cui si stabiliva che il direttore generale dell'Autorità idrica pugliese "predispone lo schema di convenzione diretto a regolare i rapporti tra l'Autorità e il gestore del Servizio idrico integrato, da sottoporre all'approvazione del consiglio direttivo".

Sulla decisione della Suprema Corte si è espresso l'assessore alle Opere Pubbliche Fabiano Amati, primo promotore della legge, il quale si è detto dispiaciuto, anche se consapevole del fatto che "la legge si prestava ad interpretazioni di conformità alla Costituzione quantomeno controverse".

“Resta il fatto - ha sottolinenato poi Fabiani - che il dibattito sviluppatosi in quei mesi ha introdotto nella politica e nella cultura pugliese ed italiana elementi di valutazione di assoluta novità, che sarebbe il caso di valorizzare con un intervento legislativo del Parlamento nazionale, al quale la stessa Corte costituzionale ha riconosciuto, in via esclusiva, la potestà legislativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • L'arsenale dei Parisi-Palermiti-Milella in un anonimo appartamento di Japigia. Chili di cocaina pronti per i clan di tutta la città

  • Irrompono negli uffici della polizia Locale di Capurso: comandante preso a pugni in faccia e minacciato di morte

Torna su
BariToday è in caricamento