Primarie centrosinistra, sarà sfida a tre: Michele Emiliano, Elena Gentile e Fabiano Amati per la corsa alle Regionali

Non è stato ammesso, invece, il sociologo Palmisano, che non avrebbe consegnato entro il limite orario fissato le 5mila firme necessarie. Il candidato del centrosinistra sarà scelto a gennaio

Sono Elena Gentile e Fabiano Amati gli sfidanti di Michele Emiliano per le primarie del centrosinistra in vista delle prossima regionali. Entrambi hanno consegnato ieri entro le 18 - termine ultimo fissato dalla Commissione dei garanti - le firme necessarie per diventare il candidato ufficiale del csx alla poltrona del governatore Emiliano: 8499 le firme per la Gentile e 21.039 quelle per Amati. Tutti quindi esponenti del Partito democratico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A sorpresa manca in lista invece il sociologo Leonardo Palmisano, che secondo il verbale della commissione non ha consegnato in tempo le firme. Le primarie sono in programma la seconda domenica di gennaio 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento