Chiusura Commissariato San Paolo, Loizzo scrive al capo della polizia Gabrielli: "Scongiuriamola, servono più poliziotti"

Il presidente del Consiglio Regionale si fa portavoce, in una nota indirizzata al prefetto, delle istanze dei residenti

"No alla chiusura del Commissariato di polizia nel quartiere San Paolo": L'appello del presidente del Consiglio regionale pugliese Mario Loizzo, già lanciato negli scorsi giorni, arriva con una nota direttamente al capo della Polizia, Franco Gabrielli. "Destano fondate preoccupazioni le notizie di stampa che insistono sulla 'possibile dismissione' del Commissariato di via Nicola Cacudi" il testo della missiva inviata al prefetto e direttore generale della Pubblica Sicurezza.

Secondo il presidente del Consiglio regionale pugliese, da mesi sarebbe all’attenzione del Viminale una richiesta "in tal senso del Questore pro tempore, motivata dalle gravi carenze di personale che ostacolano la piena operatività di quella struttura". Da qui la richiesta di invertire la rotta, interpretando "“il sentire comune dell’intera Assemblea consiliare regionale" e rilanciando "l’allarme dei residenti di un quartiere periferico tanto popoloso". Nella nota si rinnova poi la richiesta di prendere in urgente considerazione l’esigenza di rafforzare l’organico e i mezzi del Commissariato San Paolo, dove c’è bisogno di una maggiore, costante e confortante presenza dello Stato: "Ogni iniziativa che lo Stato riterrà di intraprendere - conclude - troverà nell’Istituzione regionale un riferimento certo di condivisione e collaborazione".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento