Lettera e santino elettorale a scuola, Decaro contro la preside candidata: "Sconcertato"

L'intervento del sindaco dopo le segnalazioni relative al presunto comportamento di una dirigente scolastica, in corsa per il Comune in una delle liste a suo sostegno: "Per chi fa campagna elettorale in questo modo non c'è spazio"

"Mi giunge notizia che una dirigente scolastica abbia diffuso nelle aule di una scuola barese una lettera da consegnare ai genitori degli alunni, corredata da materiale elettorale. Sono sconcertato da questo assurdo comportamento. Sono sconcertato da cittadino, da padre e da rappresentante delle istituzioni".

Così il sindaco uscente, Antonio Decaro, in una nota interviene a proposito di alcune segnalazioni relative al presunto comportamento tenuto rosangela colucci-2dalla preside di una scuola cittadina, Rosangela Colucci, candidata con 'Sud Al Centro' (lista della coalizione di centrosinistra che fa capo ad Anita Maurodinoia), che avrebbe diffuso materiale elettorale a scuola.

La difesa della preside: "Io estranea all'iniziativa"

"La scuola è sacra. Nessuno deve azzardarsi a utilizzarla per scopi diversi dall’educazione dei nostri figli. Lo dice la legge, ma soprattutto lo impone il senso civico", prosegue Decaro, che prende le distanze dalla candidata: "Il fatto che questa candidata faccia parte di una delle liste della mia coalizione non fa che accrescere il mio sconcerto e la mia rabbia. Per quanto mi riguarda - conclude - per candidati che portano avanti in questo modo la propria campagna elettorale non c’è spazio".   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento