Presidenti di seggio, l'elenco c'è ma online è introvabile

Le nomine sono avvenute un mese fa, ma gli elenchi sono consultabili solo presso l'Ufficio elettorale, al contrario di quanto avviene per gli scrutatori. Eppure in altri Comuni non è così. Ma perchè?

L'elenco degli scrutatori sorteggiati c'è, quello dei presidenti di seggio invece no. A meno di due settimane dall'election day per Europee e Amministrative, ogni ricerca sul sito del Comune di Bari si rivela inutile: impossibile consultare online la lista dei presidenti di seggio incaricati per la prossima tornata elettorale. Eppure, la nomina da parte della Corte di Appello di Bari è avvenuta quasi un mese fa.

Una 'mancanza' che salta subito all'occhio, anche perché navigando sui siti degli altri maggiori Comuni del Barese, l'informazione si reperisce facilmente: da Corato a Gioia del Colle, da Bitonto a Monopoli, bastano pochi clic per visualizzare gli elenchi dei presidenti di seggio nominati in vista del 26 maggio. Sul sito del Comune di Bari invece no. E viene subito da chiedersi perchè, in un'epoca in cui si fa un gran parlare di open data, di e-government, di identità digitale, possa risultare impossibile l'accesso ad un documento così 'semplice', eppure così importante, legato ad un momento fondamentale come quello del voto.

Abbiamo provato a chiedere spiegazioni direttamente agli enti coinvolti. "I nostri uffici hanno provveduto ad effettuare le nomine circa un mese fa - spiegano dall'Ufficio elettorale della Corte di Appello - ma non spetta a noi rendere pubblici gli elenchi. Non li affiggiamo perchè non c'è per noi obbligo di farlo, c'è l'obbligo di comunicarlo ai Comuni, affinché possano poi provvedere alle notifiche. Poi ogni Comune segue una propria prassi: in genere le nomine vengono affisse sull'albo, e pubblicate online".

Una prassi che, come detto, da una rapida ricerca online sembra essere largamente diffusa. Del resto, anche in un'ottica di trasparenza e accessibilità degli atti pubblici, sembra essere la scelta più logica. Di fatto chi viene nominato riceve una notifica individuale, ma talvolta può anche accadere che questa non arrivi in tempo utile. E in ogni caso, si tratta di un atto pubblico che come tale dovrebbe essere liberamente accessibile, esattamente come avviene per gli elenchi degli scrutatori. Per capire meglio, ci siamo allora rivolti direttamente al Comune di Bari: "I presidenti di seggio sono nominati dalla Corte d'Appello, e noi non possiamo pubblicare un atto che non è nostro. E' la Corte d'Appello, semmai, che dovrebbe pubblicare", dicono dall'Ufficio elettorale di Palazzo di Città. In sostanza - spiegano - gli elenchi sono consultabili presso gli uffici del Comune, ma non online. "Del resto - proseguono - non si tratta di un elenco definitivo, ci sono molti presidenti che stanno rinunciando, spetterà poi al Comune fino all'ultimo momento mandare i supplenti. Fino alle 16 del sabato pomeriggio nulla è definitivo". Il Comune, insomma, rimanda la questione alla Corte d'Appello, che però a sua volta spiega di non essere tenuta a pubblicare gli elenchi, ma solo a trasmetterli ai Comuni. Che di fatto - almeno così avviene in molti centri - poi rendono noti degli elenchi.

Sulla vicenda abbiamo interpellato anche l'assessore uscente ai Servizi elettorali, Angelo Tomasicchio, che ci ha fatto sapere che sulla questione "l'Ufficio elettorale si sta confrontando con la Corte d'Appello per la pubblicazione". C'è da augurarsi che, al netto di rimpalli, prassi e motivazioni burocratiche, la scelta possa essere quella a favore della trasparenza, soprattutto in un momento così delicato e importante come quello delle elezioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha un malore alla guida e finisce contro un'auto: incidente mortale a Poggiofranco

  • Vigilessa 'stagionale' arrestata a Bari: è stata trovata con 50 grammi di eroina

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • 24enne "brutalmente" violentata e minacciata di morte da una gang (forse parte di una setta): chiesti 12 anni al "capo"

  • Terremoti e rischio tsunami, nel passato maremoti tra Bari e il Gargano. "Adriatico una casa in cui spostiamo sempre i mobili"

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

Torna su
BariToday è in caricamento