Santini elettorali a scuola, la preside si difende, i docenti prendono le distanze: "Episodio inaccettabile"

Il caso della dirigente scolastica Rosangela Colucci, accusata di aver fatto circolare materiale elettorale ai ragazzi dell'istituto. La diretta interessata: "Iniziativa da me autorizzata"; insegnanti e personale scolastico: "Coinvolti a nostra insaputa"

La preside si difende, affermando di non essere mai stata a conoscenza dell'iniziativa, né di averla mai autorizzata. Docenti e personale scolastico, dall'altra parte, prendono le distanze dall'episodio, dissociandosi - di legge in una nota - "da quanto accaduto nella propria scuola il 17 maggio e dalle dichiarazioni della dirigente scolastica".

Una vera e propria bufera, quella che si è scatenata in queste ore in merito a quanto sarebbe avvenuto nella scuola media 'Amedeo d'Aosta', la cui dirigente scolastica, Rosalba Colucci, è candidata al Consiglio comunale in una lista civica della coalizione che sostiene il sindaco uscente, Antonio Decaro.

Era stato proprio il primo cittadino, nella giornata di ieri, a denunciare l'episodio, facendo riferimento una lettera, consegnata ai ragazzi insieme ad un santino, in cui la preside chiedeva ai genitori sostegno per la sua candidatura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La diretta interessata però respinge le accuse, affermando di non aver mai autorizzato la distribuzione di materiale simile. Collaboratori scolastici e insegnanti, dal canto loro, in una nota prendono le distanze dell'episodio, affermando di essere stati "coinvolti - a loro insaputa - in azioni lesive della loro funzione di educatori e della dignità personale, poiché il materiale distribuito era chiuso e spillato e pertanto il contenuto non visibile". Il caso insomma continua a far discutere, mentre la preside fa sapere di non escludere azioni legali.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento