Buoni spesa per la crisi coronavirus, l'appello: "Chiarezza su come verranno suddivisi tra i baresi"

La richiesta è del M5S: "In quali attività commerciali i cittadini baresi meno fortunati potranno utilizzare i buoni alimentari?" di somandano i consiglieri comunali pentastellati

l M5S chiede all'Amministrazione cittadina di Bari "criteri e modalità con cui intende utilizzare i quasi due milioni, 1.980.186 per l'esattezza, che il governo nazionale, attraverso la Protezione Civile, ha messo a disposizione del Comune per alleviare le sofferenze delle famiglie baresi, rimaste senza fonte di sostentamento a causa dell'epidemia di coronavirus". In una nota i consiglieri comunali baresi del Movimento chiedono informazioni in "quali attività commerciali i cittadini baresi meno fortunati potranno utilizzare i buoni alimentari e con quali criteri saranno scelti, nonché quali siano esattamente le modalità stabilite per individuare i destinatari della distribuzione dei buoni o dei beni di prima necessità. Abbiamo proposto al Sindaco - continua la consigliera Elisabetta Pani - "di privilegiare nella scelta degli operatori commerciali, piccoli supermercati ed i negozi di prossimità, in modo da alleviare gli ormai cronici problemi del commercio barese, aggravati dall'emergenza coronavirus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Proponiamo anche" - dice la consigliera Alessandra Simone - " di incrementare il fondo di solidarietà, utilizzando  le risorse che il Comune di Bari ha risparmiato dai buoni pasto non corrisposti ai dipendenti comunali che stanno lavorando da casa (come già fatto nel Comune di Roma)". "Abbiamo esortato l’amministrazione  " - conclude il consigliere Antonello Delle Fontane - "di pubblicare quanto prima la graduatoria definitiva del contributo alloggiativo per dare ulteriore respiro alle famiglie meno fortunate della cittá ". "Sono tutte richieste e proposte fatte in nome di una leale collaborazione e di uno spirito costruttivo per il bene dei nostri concittadini; qualsiasi idea e soluzione di buon senso in questa situazione emergenziale crediamo debba essere presa in considerazione per aumentare le possibilità di aiuto a chi si trova in un momento di grave difficoltà" concludono i tre esponenti pentastellati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento