Emiliano incontra i gilet arancioni: "Le dimissioni di Di Gioia? Non è il momento dei distinguo ma della lotta"

Il governatore ha incontrato gli agricoltori per discutere delle emergenze del settore. E sulle dimissioni del suo assessore, 'sposa' l'appello delle associazioni di categoria a ripensarci ma dice: "S e non dovesse farlo terrò la delega"

"L’incontro è stato molto positivo. Abbiamo concordato – ha detto Emiliano al termine - che c'è innanzitutto un fortissimo appello all'unità di tutto il mondo agricolo.  Il tavolo di crisi, che è un tavolo di emergenza, ha manifestato su mia sollecitazione l’intento che il mondo agricolo sia il più unito possibile nella gestione delle due emergenze: Xylella e gelata". 

Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha commentato l'incontro avuto oggi con una delegazione del comitato dei “Gilet arancioni”, che hanno avanzato una serie di richieste per le vertenze dell’agricoltura aperte in Puglia. Il tavolo era stato concordato dopo la manifestazione della scorsa settimana a Bari.

Xylella e gelata

Tra i principali argomenti affrontati, xylella, consorzi di bonifica e risarcimenti per le gelate di febbraio scorso. "Noi a breve - ha detto Emiliano in riferimento alla questione Xylella - concorderemo una piattaforma comune per integrare il decreto che il Ministro sta preparando contro la Xylella e stiamo cominciando a prendere in esame la possibilità di svolgere all'interno della fascia di contenimento attività straordinarie per rallentare ulteriormente l'espansione della malattia;  attività straordinarie che dovranno coinvolgere le stesse aziende agricole,  le loro organizzazioni,  i Comuni ma anche i privati che dovessero avere piante ospiti che sono in grado di propagare la xylella. Sui Consorzi e sulla distribuzione dell’acqua tra pochi giorni bisognerà decidere se i Consorzi di bonifica dovranno proseguire sulla loro strada venendo restituiti alle aziende agricole, perché i Consorzi non sono della Regione Puglia ma la Regione Puglia li sta solo commissariando a causa dei buchi di bilancio che si sono verificati negli anni. E quindi bisognerà decidere rapidamente se i Consorzi dovranno rientrare nella gestione da parte delle aziende o se invece la legge regionale pugliese debba essere applicata, assegnando la distribuzione dell'acqua all' Acquedotto pugliese. Un'altra questione fondamentale sono i risarcimenti che il Governo deve dare alla olivicoltura pugliese a causa della gelata. Sul punto, la richiesta che viene avanzata dal tavolo è quella di un risarcimento di almeno 100 milioni di euro che il Ministro esaminerà quando, nei prossimi giorni come si è impegnato a fare, verrà a Bari proprio per discutere di queste vicende".

Dimissioni Di Gioia: "Felice se le ritira, in caso contrario terrò la delega"

A margine dell'incontro Emiliano ha commentato anche la scelta dell'assessore al ramo, Leo Di Gioia, di dimettersi, in polemica con lo stesso governatore. "Sulle dimissioni dell’assessore Di Gioia - ha detto il presidente della Regione - questo gruppo di agricoltori che ho incontrato oggi ha rivolto un appello all'assessore perché rientri al lavoro, anche perché questo non è il momento dei distinguo, ma è il momento della lotta. Sono d'accordo con loro, in questo momento le posizioni personali sono importanti e che la dignità personale è sempre importante, ma qui è in corso una battaglia contro danni gravi all'agricoltura pugliese che prevede che tutti si impegnino al massimo. Noi cercheremo di impegnare tutte le energie possibili dalla Regione Puglia nel sostenere il mondo dell'agricoltura pugliese. Poiché per il prossimo 17 gennaio c'era timore da parte di qualcuno che la Regione Puglia potesse perdere il coordinamento della Conferenza delle regioni dico che non c'è nessuna preoccupazione da questo punto di vista, perché se l' assessore Di Gioia dovesse decidere di non ritirare le dimissioni ci andrò io personalmente e fino a che non si deciderà diversamente, la delega la terrò io. Non mi manca l’entusiasmo per lavorare con questa gente tosta, ma anche meravigliosa, perchè le organizzazioni con le quali ci stiamo confrontando oggi e quelle che incontrerò nei prossimi giorni come la Coldiretti, sono fatte da persone straordinarie, che lavorano dalla mattina alla sera e meritano anche l’impegno personale del presidente, senza mancare di rispetto a nessuno. Fermo restando che se Di Gioia decide di ritirare le dimissioni io sono felice e sono pronto a riprendere il lavoro insieme al più presto ascoltando con grande attenzione il suo punto di vista".

Potrebbe interessarti

  • Estate 2019 tra cibo e cultura: sagre, festival e manifestazioni di Bari e provincia

  • Spaghettata di San Giovanni: tradizione e semplicità in pochi ingredienti

  • Bari Wireless: come navigare gratuitamente su Internet con un proprio PC portatile o smartphone

  • Menta, pepe di Cayenna, aglio e altri rimedi naturali per allontanare le formiche

I più letti della settimana

  • Si avvicina all'auto e tenta di portar via un bimbo di 5 anni: bloccato dai carabinieri

  • Dopo il bagno a Pane e Pomodoro, la brutta sorpresa: "Sparita la borsetta con soldi e cellulare"

  • Da Bari a Savona con camera da letto, pensili e bici sul tetto dell'auto: fermato automobilista nel Modenese

  • Tornano le aperture serali dei mercati settimanali: a luglio e agosto bancarelle al calar del sole

  • Scontro sulla statale 16: quattro veicoli coinvolti, traffico rallentato in direzione sud

  • "Scippata della borsa" a due passi dl lungomare: giovane studentessa derubata di soldi e documenti

Torna su
BariToday è in caricamento