Crollo a Conversano, Vendola: "La Puglia si stringe attorno le macerie"

Il governatore esprime il suo rammarico per il crollo avvenuto a Conversano ed elogia la tempestività dei soccorsi. Con la speranza, dice, di ritrovare ancora in vita i tre dispersi

Rammarico, ma anche fiducia nel lavoro dei soccorritori e la speranza di trovare ancora in vita i tre dispersi: così il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola commenta il tragico crollo di due palazzine avvenuto questa mattina in via Zingari a Conversano.

“Un altro botto in un centro storico meraviglioso, come quello della città di Conversano. Possiamo dire che i soccorsi sono stati tempestivi. In queste ore le associazioni dei volontari stanno supportando l’azione puntuale della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco e delle forze dell’ordine”.

”Si scava, - ha proseguito il Presidente della Regione - si tolgono le pietre perché risultano disperse alcune persone. La speranza è quella di trovarli vivi”. "In questo momento è un’intera comunità, tutta la Puglia - ha concluso Vendola - che si sta stringendo attorno a quelle macerie, affinché ci possa essere qualche notizia che parli di vita anziché di morte”
 

Potrebbe interessarti

  • Ferragosto 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Dite addio alle sigarette: i trucchi e i consigli per smettere di fumare

  • Cosa fare se scoppia un temporale in spiaggia

I più letti della settimana

  • Morta dopo incidente in bici a Santo Spirito, oggi la fiaccolata per Giorgia: "Mille luci per ricordarla"

  • L'alga tossica 'invade' il litorale barese, le analisi Arpa: alte concentrazioni da Giovinazzo a San Giorgio

  • Giovane colpita da un'auto mentre va in bici: dichiarata morte cerebrale

  • Si sente male in vacanza in Salento, ricoverata da Lecce a Bari: muore bimba di un anno

  • Motociclista cade sulla provinciale vicino Altamura: perde la vita centauro 39enne

  • Bimba di 2 anni colpita da Seu: ricoverata in gravi condizioni al Giovanni XXIII

Torna su
BariToday è in caricamento