Distretti Urbani del Commercio a Bari, ancora proroghe. La richiesta: "Basta con i rinvii, attivarli subito"

Il Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale a Bari chiede spiegazioni all'assessore allo Sviluppo Economico, Carla Palone, sulla questione dei Duc: "Comportamento ingiustificabile"

Il Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale a Bari chiede spiegazioni all'assessore allo Sviluppo Economico, Carla Palone, sulla questione dei rinvii del Duc, i Distretti Urbani del Commercio, e sul tema del Piano strategico per rilanciare il tessuto produttivo del capoluogo".

"Presentato il Progetto alla Regione - spiegano i consiglieri Elisabetta Pani e Antonello Delle Fontane -, il Comune di Bari aveva avuto il 28/6/2018 sei mesi di tempo per trasformare l’Associazione Temporanea di Scopo in Organismo di gestione e portare avanti le progettualità dei DUC e del Piano strategico. Il Comune però chiede una proroga di 6 mesi appellandosi a cause di forza maggiore e ritarda, con approvazione della Regione, la scadenza al 28 giugno 2019” afferma la portavoce del M5S Pani. Ma tale proroga non è sufficiente e il 31/7/2019 l’Assessore Palone chiede una ulteriore proroga giustificando il ritardo con le recenti elezioni. La regione quindi concede una ulteriore proroga a 90 giorni dal Primo Consiglio Comunale". 

I pentastellati incalzano: "Il 25 ottobre 2019 la Regione, quindi,  invia un sollecito ricordando al Comune di Bari che i 90 giorni sarebbero scaduti il 5 dicembre 2019. In occasione del question time del 25/11/2019 ho chiesto - spiega Pani - espressamente all’Assessore Palone quale fosse la scadenza data dalla Regione per i Duc e il Piano strategico ricevendo in risposta che il Comune aveva ottenuto una ulteriore proroga al 21/1/2020. Ma in quel momento l’Assessore ha mancato di rispetto a tutto il consiglio comunale, ai cittadini baresi, ai commercianti, perché il 25/11 la data di scadenza era il 5/12/2019". Palone avrebbe chiesto un'ulteriore proroga, lo scorso 26 novembre, con limite massimo al 21 gennaio 2020.

“Il comportamento dell’Assessore nell’esercizio delle sue funzioni in Consiglio Comunale nonché tutta le gestione della questione DUC e Piano Strategico è assolutamente ingiustificabile; tutto questo mentre mercati rionali e commercianti di prossimità vengono uccisi dalla mancanza di programmazione, dal surplus di medie e grandi attività, dall’assenza di un progetto realmente condiviso con l’amministrazione. Il 25/11 l’assessore non aveva alcuna certezza della nuova proroga, anzi non l’aveva nemmeno richiesta. Ha mentito. Dovrebbe dimettersi.” concludono Pani e Delle Fontane

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Tenta di attraversare con le sbarre in chiusura, auto resta bloccata al passaggio a livello

Torna su
BariToday è in caricamento