D' Ambrosio incontra i dipendenti Natuzzi: "L' attenzione per i drammi sociali non ha colori"

Il candidato del centrosinistra di Santeramo insieme all'on. Rosy Bindi a colloquio con i rappresentanti Fillea-Cgil. I temi: il futuro dei 1500 lavoratori dell'azienda e di tutta la filiera del divano

“L'attenzione per i drammi sociali, per quelle giovani coppie che oggi a Santeramo non riescono a vedere un futuro, non ha colore d'appartenenza, ma deve anzi rappresentare un motivo di unione tra tutti i responsabili della politica. La solidarietà è vera se è carica di impegno per far uscire dalla crisi che soffoca le persone e le loro famiglie”. Lo ha detto il candidato prof. Michele D’Ambrosio durante l’incontro a porte chiuse con i rappresentanti RSU della Fillea-CIGL delle Industrie Natuzzi SpA, alla presenza dell’onorevole Rosy Bindi. L’ incontro è avvenuto a chiusura della manifestazione che ha inaugurato la campagna elettorale della lista di centro sinistra PD, IDV, UDC, SEL e Socialisti.

Ad introdurre l'incontro, presso il Comitato elettorale del candidato Sindaco, è stato proprio il professore il quale ha accettato la richiesta dei rappresentanti sindacali di farsi da tramite tra l'on. Bindi, Vice-Presidente della Camera dei Deputati, e i lavoratori delle Industrie Natuzzi SpA.  Nella nota si legge: “Il Candidato, conoscendo la solerzia con la quale l'on. Bindi si è sempre mossa nei confronti delle tematiche sociali e dei lavoratori, ha auspicato che l'incontro possa essere realmente foriero di soluzioni per l'annosa questione dell'Accordo di Programma  per il rilancio del mobile imbottito murgiano già firmato dalla Regione Puglia, che ha da parte sua stanziato 20 milioni di euro, dalla Regione Basilicata, 10 milioni, e dal Ministero dello Sviluppo Economico, di cui si attendono ancora i fondi”.

LA SITUAZIONE ATTUALE Sono seguiti gli interventi di  Silvano Penna, Segretario Generale della Fillea-CIGL, e del Segretario Provinciale  Saverio Fiorentino. Entrambi hanno tenuto subito a precisare che questa depressione economica e lavorativa che attanaglia il distretto del mobile imbottito pugliese, non riguarda solo le Industrie Natuzzi SpA, bensì tutto il comparto. Per quanto riguarda la maggior impresa, ad oggi vi è un esubero di 1500 dipendenti, tenendo presente che già 6000 sono state portate ormai fuori dal settore. Il dramma tocca tutti quei cassintegrati che nei prossimi mesi rischieranno il licenziamento, visto che i fondi per un ulteriore periodo di Cassintegrazione stanno ormai terminando. L' Accordo di Programma per il rilancio del mobile imbottito murgiano sembrava la possibile soluzione al problema, tuttavia, a causa della   transizione di Governo a cui abbiamo assistito, le trattative tra il Ministero, le Regioni firmatarie e le imprese coinvolte sono state sospese.

LA RICHIESTA Quindi la richiesta dei portavoce di questi lavoratori  all'on. Bindi è stata  quella di sollecitare il Ministro Passera affinchè si possa fissare una prossima data di convocazione per un tavolo di discussione. Il rischio che le Industrie Natuzzi SpA sposti i propri impianti produttivi in Paesi come la Cina, il Brasile o la Romania è molto alto, visti i prezzi di manodopera alquanto bassi rispetto a quelli italiani. Questo scenario rischierebbe di gettare molti santermani, e non solo, nel baratro della disperazione, tenendo presente che l'età media dei lavoratori si aggira intorno ai 35 anni, età in cui le famiglie si formano e hanno sulle proprie spalle mutui per l'acquisto della casa o investimento per il futuro dei propri figli.

LA RISPOSTA Il Vice-presidente della Camera Rosy Bindi ha promesso di impegnarsi nel sollecitare la convocazione immediata di un Tavolo di concertazione, sperando che la sua richiesta non resti inascoltata. I rappresentanti Fillea-Cgil hanno ringraziato l'on. Bindi e le hanno  consegnato  un memorandum programmatico aziendale per meglio introdurla nella triste situazione del comparto produttivo del mobile imbottito di questa terra.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento