Regione, Emiliano pronto a ricandidarsi: "Primarie del centrosinistra il prima possibile"

Il governatore lancia la sua seconda candidatura auspicando primarie già a novembre per la scelta del candidato di centrosinistra: "Una parte dei renziani contro di me"

Si dice pronto a ricandidarsi alla presidenza della Regione Puglia e auspica le primarie del centrosinistra per la scelta del candidato, da celebrare "il prima possibile". Michele Emiliano gioca d'anticipo e lancia la sua candidatura in vista delle elezioni regionali, in programma nel 2020. le dichiarazioni del governatore sono state raccolte e riportate dall'Ansa. 

"Mi ricandido alla presidenza della Regione - ha detto Emiliano - e spero di poter fare le primarie il prima possibile. Una parte della componente renziana del Pd è contro di me quindi è importante capire subito, attraverso le primarie, chi sarà il candidato del centro sinistra. Se sarò io, per concludere il mandato con il sostegno necessario, se sarà un’altra persona per darle il tempo di fare la campagna elettorale e di farsi conoscere. Mi auguro - ha aggiunto - che le primarie possano essere già a novembre".

Le reazioni dell'opposizione

"Il presidente Emiliano - commenta in una nota Nino Marmo, presidente del gruppo consiliare di Forza Italia - sostiene di voler sapere se sarà ricandidato alla presidenza perché deve, nel caso, lavorare in Regione. Sogno o son desto? Ammette con tanta disinvoltura di subordinare il suo impegno da presidente della Giunta alla sua candidatura alle primarie. O, peggio ancora, lascerebbe intendere che in caso di ricandidatura inizierebbe a fare ciò che dal 2015 non ha fatto: ovvero governare, magari spingendo anche l'acceleratore sul clientelismo in vista delle elezioni. Le critiche in salsa 'politichese' sarebbero dietro l'angolo. E, invece, ad Emiliano vogliamo porre alcune domande. Intende aspettare di sapere se correrà di nuovo per la presidenza per:1. Dare una risposta ai cittadini a cui ha ridotto i servizi sanitari, chiudendo reparti ed ospedali senza potenziare la medicina del territorio? 2. Spiegare ai pugliesi come mai la riorganizzazione della rete dell'emergenza-urgenza che ha compiuto costerà di più senza rendere più efficiente il servizio? 3. Mettere a regime, finalmente, il Piano di Sviluppo Rurale, dopo i tanti ritardi che pesano sulle nostre aziende agricole? 4. Intervenire nelle numerose vertenze occupazionali che interessano migliaia di pugliesi? Sono solo alcune delle questioni che dovrebbero vederlo in prima linea, impegnato con abnegazione. Eppure, dalla prospettiva del presidente parrebbero vicende secondarie che possono attendere l'evolversi delle diatribe interne alla sua coalizione. Riteniamo superfluo esprimerci, perché Emiliano è stato chiarissimo. Tuttavia, siamo altrettanto certi che i cittadini faranno le loro opportune considerazioni".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Chiude un altro negozio storico in città: addio a Ventrelli, al suo posto nascerà un casinò

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

Torna su
BariToday è in caricamento