Commissariamento Fiera del Levante, il Centrodestra: "Nomine illegittime"

Le opposizioni in Consiglio comunale criticano la scelta dei soci, ufficializzata ieri: "Provvedimento non necessario. Chiediamo chiarimenti al sindaco o ci rivolgeremo al Tar"

"La nomine del commissario e in particolare, del subcommissario sono illegittime. Chiediamo chiarimenti al sindaco Decaro, altrimenti ci rivolgeremo direttamente al Tar". Il centrodestra al Comune di Bari si scaglia contro le scelte riguardanti il nuovo vertice della Fiera del Levante, dopo le dimissioni del presidente Ugo Patroni Griffi e l'affidamento delle redini dell'Ente al commissario Antonella Bisceglia e al vice Mario D'Amelio. In una conferenza stampa i consiglieri Carrieri, melini, Romito e Melchiorre, esprimono "preoccupazione" per il futuro, criticando la decisione dei soci, ovvero Comune, Area Metropolitana, CdC e Regione, resa nota dal governatore Emiliano: "Un commissario - spiega Giuseppe Carrieri (Impegno Civile) - può essere nominato solo per gravi irregolarità o impossibilità di un'ordinaria amministrazione, in base a ciò che prevede lo Statuto. Nel caso delle dimissioni del cda bisogna provvedere alla nomina di altri componenti. Era quello che chiedevamo da mesi. L'ipotesi del subcommissario, inoltre, è del tutto illegittima perché si tratta di un ruolo non previsto".

"E' evidente - ha proseguito Irma Melini (ScelgoBari) - che c'è una continuità politica tra Emiliano e Decaro nella gestione della Fiera. Il commissariamento è la scelta peggiore. Bisceglia sarebbe andata meglio come scelta di cda. Qui invece si tratta di una nomina nell'ambito di una gestione Pd di enti che sono dei baresi e dei cittadini della provincia.I timori del centrodestra riguardano anche il futuro dell'Ente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le preoccupazioni del centrodestra riguardano anche il futuro assetto dell'Ente e il rapporto con i nuovi 'soci' delle Fiere di Bologna e Ferrara: "Abbiamo chiesto - dice Filippo melchiorre (Fratelli D'Italia) - un'interlocuzione sul tema in aula consiliare. Da articoli di stampa (Repubblica Bari, ndr), si dice che in Emilia non sia stato ancora formalizzato l'accordo e questo potrebbe saltare. Il piano industriale della Fiera di Bologna non è stato ancora approvato e siamo preoccupati di questo". Più in generale, le critiche sono rivolte all'intera operazione: "E' come se Decaro avesse deciso di liberarsi di un'abitazione di cui è maggior proprietario - attacca Fabio Romito (Misto) - Crediamo sia incomprensibile, anche perché la CIttà Metropolitana versa un grande contributo da 1,5 milioni per la gestione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento