Centrodestra in piazza per il 2 giugno, Fitto: "Tre messaggi a Europa, governo e Regione che producono più parole che fatti"

L'europarlamentare e candidato presidente di Fratelli d'Italia per le Regionali 2020 sulla manifestazione unita Fd'I, Forza Italia e Lega: "Insieme per dar voce a milioni di cittadini italiani delusi"

Il centrodestra "unito in piazza", per mandare "tre messaggi", rivolti rispettivamente "all'Europa, al governo e alla Regione", che "producono più parole che fatti". Così in una nota Raffaele Fitto, co-presidente del gruppo europeo Ecr-Fratelli d'Italia e candidato presidente proposto da Fd'I per le prossime Regionali, commenta la manifestazione che si è tenuta questa mattina in 70 città italiane. Una protesta che anche a Bari ha visto gli esponenti dei tre partiti di centrodestra scendere in piazza insieme, nonostante il nodo ancora irrisolto del candidato presidente della coalizione per le prossime Regionali, che vede in questo momento la contrapposizione tra Fitto e Altieri, la cui candidatura è stata avanzata soltanto pochi giorni fa dalla Lega.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In piazza come Fratelli d’Italia, insieme a Forza Italia e Lega, per dar voce insieme ai milioni di cittadini italiani delusi dal Governo e che dopo tre mesi attendono risposte vere ed efficaci per una Fase 2 che è ripartita solo nelle conferenze stampa del premier Conte", afferma Fitto. "Ma sono tre - prosegue - i messaggi che il centrodestra vuole mandare in questo giorno di Festa per la Repubblica Italiana: uno è all’Europa che ci inonda di parole suggestive ma prive di contenuto, infatti se tutto andrà bene forse per ottobre riusciremo a vedere i primi aiuti. Parliamo nella migliore delle ipotesi di due miliardi e mezzo, una cifra ben distante dagli 82 promessi all’Italia; uno al governo nazionale che ha prodotto più DPCM che misure concrete, ci sono milioni di italiani che attendono ancora la cassa integrazione, il bonus e i finanziamenti a fondo perduto; al governo regionale che tiene seduta la Puglia su una montagna di aiuti europei che non vengono spesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento