Il Tribunale del Riesame di Bari ridimensiona il reato di imputazione ma il consigliere regionale Cera resta ai domiciliari

Confermati gli arresti domiciliari per Angelo e Napoleone Cera, quest'ultimo consigliere regionale dei Popolari. Il Tribunale del Riesame ridimensione il reato di imputazione, non è più tentata concussione

Angelo e Napoleone Cera

Come riporta FoggiaToday, il Tribunale del Riesame di Bari ha confermato gli arresti domiciliari per il consigliere regionale dei Popolari Napoleone Cera e per il padre Angelo, ex deputato della Repubblica e tra i massimi esponenti dello Scudocrociato in Italia.

I giudici del Tribunale del Riesame avrebbero però ridimensionato il reato di imputazione, riqualificandolo da tentata concussione (317 cp) in tentata induzione indebita a dare o promettere utilità (319 quater cp).

Queste le parole degli avvocati Francesco Paolo Sisto e Michele Curtotti: "Quando un fatto di reato viene così drasticamente ridimensionato accogliendo parte delle ragioni della difesa ci si aspetta, quale logica conseguenza, quantomeno una tangibile attenuazione, se non la revoca, anche della misura cautelare. Così non è stato: tanto ci induce, oltre che ad attendere le motivazioni per il doveroso ricorso per Cassazione, a porre in essere ogni ulteriore iniziativa utile per restituire Angelo e Napoleone Cera ad una vita da liberi cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Chiude un altro negozio storico in città: addio a Ventrelli, al suo posto nascerà un casinò

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • "Luogo di ritrovo di pregiudicati", chiuso per 15 giorni bar nel mercato coperto di Cellamare

Torna su
BariToday è in caricamento