Nuovi agenti di polizia penitenziaria in arrivo in Puglia da agosto, Tateo: "Raccolto il grido di allarme delle carceri"

Ad annunciarlo con una nota è la parlamentare leghista. In totale tra Puglia e Basilicata saranno ripartiti 97 nuovi agenti

La deputata Anna Rita Tateo

Il comparto di polizia penitenziaria pugliese si allarga. Dal primo agosto saranno integrati tra Puglia e Basilicata 97 nuovi agenti, di cui 40 uomini e 57 donne. A comunicarlo in una nota è Anna Rita Tateo, deputata della Lega e membro della seconda Commissione parlamentare Giustizia. "La Lega ha raccolto il grido d’allarme degli istituti carcerari - spiega - ed il Governo ha voluto dare una prima risposta alla cronica carenza di organico. Il nostro obiettivo fondamentale è il miglioramento della vita e della sicurezza per gli agenti, che a loro volta lavorano per mantenere l’ordine all’interno delle carceri e il corretto svolgimento della vita dei detenuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento