Di Rella candidato di Fi, primarie centrodestra sempre più incerte. Lega e Fdi: "Competizione apertissima"

Dopo la discesa in campo dei berlusconiani, il quadro della consultazione appare sempre più difficile da decifrare. Entro il 19 l'ufficializzazione delle candidature per la consultazione del 17 febbraio

Il giorno dopo la discesa in campo di Forza Italia, con l'annuncio dell'accordo con Pasquale Di Rella come proprio aspirante-sindaco in vista delle Primarie di febbraio per le Comunali 2019, il quadro nel centrodestra appare decisamente mutato. L'ingaggio da parte dei berlusconiani dell'ex presidente del Consiglio comunale, già esponente di peso del Pd cittadino, capace già preparare tre liste civiche con le quali era in corsa autonomamente per le Primarie, cambia scenario e colloca un terzo competitor di peso per la 'battaglia' del 17 febbraio, rendendola decisamente incerta e aperta ad ogni risultato. Di Rella va ad affiancarsi a Fabio Romito (Lega) e Filippo Melchiorre (Fratelli d'Italia) nella primissima fila di una corsa che vede lo stop di Carrieri e Cipriani, alleati dell'ex numero uno dell'aula 'Dalfino' e Davide Bellomo (Nci-Di) in apparenza più indietro ma con voti che potrebbero essere determinanti per il successo finale di uno dei candidati.

"Il vincitore sarà sostenuto da tutti gli altri"

Dalle parti del Carroccio e di Fdi, comunque, emerge più il lato positivo di una competizione che vede tutto il centrodestra impegnato, con la forza dei singoli partiti misurabile attraverso le urne: "Speravamo che Fi partecipasse - spiega Andrea Caroppo, coordinatore regionale della Lega - in modo da riunire tutti i gruppi partitici e le componenti civiche. Sono riusciti anche a porre all'interno alcuni gruppi che non facevano parte della coalizione di cinque anni fa. Siamo convinti di creare un fronte competitivo per vincere le elezioni di maggio". Il passo di Fi, capace di accettare le primarie dopo mesi di indecisioni,  aggiunge Caroppo, "fa ritenere superato il dibattito" sul candidato unitario del centrodestra, come richiesto insistentemente e non ottenuto dagli stessi forzisti che alla fine hanno scelto "il metodo migliore - sostiene il coordinatore pugliese della Lega - per vincere le elezioni". La Lega non entra nel merito della decisione di puntare su Di Rella: "Ognuno è libero e legittimato - aggiunge Caroppo - ad effettuare le proprie scelte. La competizione sarà aperta e pensiamo che vi possa essere un bel confronto. Noi proponiamo un candidato giovane come Romito, che rappresenta una carica di novità importante. Chi vincerà le primarie sarà sostenuto da tutti gli altri".  Anche Nci-Di, attraverso il coordinatore di Direzione Italia, Francesco Ventola, esprime soddisfazione per l'ingresso di Fi nella corsa: "Questa volta davvero il vento sta cambiando e lo si avverte anche per l’attenzione e la partecipazione che avvertiamo già attorno alle Primarie che saranno il trampolino di lancio di una campagna elettorale che ci vedrà tornare al governo della Città di Bari".

Fdi: "Giusto attendere Fi"

Per Fratelli d'Italia, come spiega il coordinatore regionale Erio Congedo, "è stata una buona idea attendere le riflessioni di Forza Italia senza mettere fretta e speravamo che questo accadesse. E' un fatto importante per Fi considerata l'indisponibilità nazionale rispetto alle primarie, a differenza del nostro partito dove questo tipo di consultazioni fanno parte del progetto politico e sono ritenute metodo migliore per individuare le candidature. E' la conferma di un percorso importante, anche verso le regionali. Partiamo col piede giusto puntando su Filippo Melchiorre, recordman di preferenze in Comune, convinti che possa essere il candidato migliore per vincere anche le secondarie". Gli assetti, dunque, sono pressoché definiti e la corsa, già iniziata, entrerà nel vivo dal 19 gennaio, quando saranno ufficializzati definitivamente i quattro (in attesa anche dell'ulteriore conferma di Bellomo) aspiranti sindaci del centrodestra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo e allerta arancione sul Barese: scuole chiuse in alcuni Comuni

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Crollano calcinacci dal cavalcavia della SS16, danni alle auto: tratto chiuso al traffico

  • Punito e ucciso per uno 'sgarro' nello spaccio: condanna a dieci anni per l'omicidio di Vessio

Torna su
BariToday è in caricamento