Primarie Pd, D’Alema non si candiderà a Bari. Sfida rinviata con Emiliano

L'ex Presidente del Consiglio accoglie l'invito del partito ad evitare uno scontro frontale tra i due. Intanto, per le amministrative spunta il nome della Dentamaro

Tutto risolto. O quasi. Massimo D’Alema si candiderà nel collegio di Foggia per le primarie del Pd che si svolgeranno il prossimo 8 dicembre. A comunicarlo è il deputato democratico Michele Bordo che dall’inizio della legislatura sta ricoprendo anche il ruolo di presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera.

L’ex Presidente del Consiglio sosterrà la mozione di Gianni Cuperlo in Capitanata rinunciando a scontrarsi con Michele Emiliano che, invece, si candiderà come capolista a Bari nella lista di Matteo Renzi. Dopo la lettera inviata da deputati pugliesi, consiglieri regionali ed altri esponenti del partito tra cui il segretario regionale Sergio Blasi, Massimo D’Alema ha accettato la proposta di non trasformare le primarie in un momento di scontro tra correnti. In realtà i dalemiani hanno voluto inviare un messaggio ad Emiliano affinché sia chiaro che le scelte in vista delle prossime sfide elettorali dovranno essere assunte con il massimo della collegialità e tenendo conto delle diverse sensibilità interne al partito di via Re David.

"L'ex premier, cittadino onorario di Foggia - riferisce Bordo - ha da tempo un forte legame con la città, con la Capitanata e la Puglia. Sono certo che con la candidatura di D'Alema a Foggia, il Mezzogiorno tornerà al centro del dibattito politico nazionale. Massimo ha dedicato, e dedica, molta parte del suo impegno politico e istituzionale proprio per il Sud del nostro Paese".

Lo strappo è stato evitato, anche se tutto sembra rimandato a dopo le primarie. Di fatto il Pd non è unito come vuole far sembrare. Ad oggi manca una convergenza sul nome che dovrà partecipare alle primarie come candidato sindaco di Bari. Tutto sembra portare ad Antonio Decaro ma ad oggi nulla è stato confermato. Nelle ultime ore è spuntato il nome di Marida Dentamaro, ex senatrice UdEur, vicesindaco per pochi mesi e poi messa fuori dallo stesso Emiliano a seguito di alcuni contrasti in giunta. La Dentamaro potrebbe contare sull’appoggio dei dalemiani, ma  non è escluso che anche questo faccia parte di una pretattica.

Pietro Petruzzelli continua la sua campagna elettorale. Di recente ha partecipato all’incontro di presentazione della mozione Pippo Civati, ma quest’ultimo ha comunicato che sarebbe felice che il prossimo sindaco di Bari fosse “Antonio Decaro”. Dopo l’8 dicembre tutto sarà chiaro. Almeno così dicono.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Omicidio a San Pio, proseguono le indagini sul delitto. Michele Ranieri cognato di Vincenzo Strisciuglio

Torna su
BariToday è in caricamento