Protesta Anci per i fondi ai Comuni, Fitto: "Avevamo ragione, da Conte provvedimento spot"

Il co-presidente del gruppo europeo Ecr-Fratelli d'Italia interviene sullo strappo di Anci con il governo, con il presidente nazionale Decaro che ieri ha abbandonato i lavori della conferenza unificata chiedendo subito 5 miliardi per i Comuni

“Antonio Decaro, in qualità di presidente nazionale dell’Anci, ha abbandonato i lavori della conferenza unificata sbattendo in faccia la porta al Governo: ‘Cinque miliardi subito ai Comuni o costretti a interrompere servizi’. Che dire? Siamo contenti di ritrovarci dalla stessa parte. Avevamo avuto, infatti, la sensazione di essere stati fra i pochi a non aver gioito dopo la conferenza stampa del premier Conte che annunciava trionfalisticamente un’iniezione di liquidità ai Comuni per 4,3miliardi (di anticipazioni già dovute ai Comuni) e 400 milioni della Protezione civile in buoni pasto, così il co-presidente del gruppo europeo Ecr-Fratelli d'Italia, Raffaele Fitto, interviene sulla protesta dei Comuni italiani che ieri ha portato il presidente Anci, Antonio Decaro, ad abbandonare la Conferenza unificata convocata dal governo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Avevamo sostenuto che si mandavano i primi cittadini allo sbaraglio ad affrontare l’emergenza povertà che non è meno grave di quella sanitaria. I sindaci venivano lasciati completamente soli e a mani nude: un atteggiamento assurdo da parte del Governo”. “Le difficoltà dei sindaci italiani sono le stesse di 15 giorni fa, per questo avevamo espresso perplessità su quell’operazione spot di Conte, e oggi come ieri siamo e saremo al loro fianco in questa battaglia”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Traffico di droga, spaccio e auto rubate: blitz dei carabinieri nel Barese, sei arresti

  • Vento forte e rischio temporali, maltempo in arrivo anche sul Barese

Torna su
BariToday è in caricamento