Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emiliano apre agli avversari in vista delle Regionali: "Intesa possibile con Movimento 5 Stelle e Italia Viva"

Il governatore ha dichiarato la sua disponibilità al dialogo durante il sopralluogo nel padiglione 'Asclepios 3' in costruzione al Policlinico di Bari: "Con Renzi non ho nessun problema personale"

 

Disponibile a dialogare sia con il Movimento 5 Stelle, sia con Italia Viva: è un Michele Emiliano aperto alle alleanze in vista delle Regionali di settembre, quello che si presenta davanti ai microfoni dei giornalisti durante la visita nel cantiere del padiglione 'Asclepios 3', in realizzazione nel Policlinico di Bari. "Io non ho nulla contro Renzi - ha ricordato il governatore - Ci siamo sempre scontrati su questioni politiche. Se chiederà ai suoi di condurre una battaglia solo per non farmi vincere le elezioni non credo che riuscirà a trovare persone disponibili a candidarsi".

La replica dei 5 Stelle: "Noi non cambiamo"

Nel pomeriggio è arrivata la replica alle dichiarazioni di Emiliano da parte dei pentastellati pugliesi: "Il governatore prova ancora una volta a spostare l’attenzione dai suoi fallimenti tornando a parlare del M5S. - scrivono - A differenza sua noi non cambiamo idea come cambia il vento: in Puglia siamo la sola vera alternativa ai disastri fatti dalla vecchia politica e non sarà mai possibile alcun accordo con Emiliano o con chiunque altro rappresenti destra e sinistra. È disponibile al dialogo? Peccato non lo sia mai stato in questa legislatura su temi come lavoro, sanità, rifiuti. Non ha mai ascoltato alcuna proposta fatta per risollevare la nostra regione e ora vuole parlare di elezioni? No grazie. Ancora una volta peraltro contraddice se stesso: a ottobre ‘mai con i cinquestelle se non chiedono scusa’, oggi si dichiara aperto al dialogo e sostenitore del governo nazionale. Michele contro Emiliano come sempre. Capiamo però il suo disorientamento: fino ad ora in cambio di poltrone è sempre riuscito a portare dalla sua parte quelli del centrodestra: da Simeone Di Cagno Abbrescia a Massimo Cassano, passando per Gianni Stea e Francesco Spina solo per citare alcuni nomi. La vera alleanza nei fatti è stata con loro, come dimostrano la presidenza di AqP, la spartizione delle nomine del Corecom che ha tenuto il Consiglio bloccato per mesi, l’aumento degli stipendi ai direttori generali delle Asl contro cui ci siamo battuti in aula, il fronte comune contro l’abolizione dei vitalizi e sulla modifica della legge per il contrasto all’azzardopatia che favorisce le lobbies del gioco. Con noi il gioco non gli è riuscito 5 anni fa, quando ci ha proposto tre assessorati in cambio del silenzio, e non riuscirà oggi. L’unica cosa che ci interessa è far rinascere la nostra terra e per farlo questo governo regionale deve andare a casa. Stiamo lavorando da mesi e continueremo a farlo ogni giorno di più: le chiacchiere su ticket, accordi e alleanze li lasciamo a lui e a chi gli è vicino”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento