Dalla Regione 3 milioni per lo sport dilettantistico: ok ai contributi a fondo perduto per associazioni e società colpite dalla crisi post-Covid

La delibera annunciata dal presidente Emiliano e dall'assessore allo Sport Piemontese: previsti contributi dai 500 ai 1500 euro, per evitare "la chiusura della miriade di realtà associative che popolano il mondo dello sport pugliese" colpite dalle conseguenze dell'emergenza sanitaria

Tre milioni di euro, in contributi a fondo perduto, per sostenere il mondo dello sport dilettantistico pugliese messo a dura prova dai contraccolpi dell'emergenza Covid. E' la misura annunciata ieri dalla Regione Puglia. Quindici giorni tempo per fare la domanda, 30 giorni per avere una risposta e un ventaglio di contributi a fondo perduto tra i 500 e i 1.500 euro. 

"Contributi per evitare chiusura delle realtà associative"

“Siamo concretamente al fianco del movimento sportivo pugliese”, ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, commentando la delibera di giunta che riguarda l'avviso pubblico rivolto ad ASD e SSD, proposto dall’assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese. “Abbiamo dovuto aspettare le misure nazionali per non sovrapporci, capire come potevamo indirizzare più efficacemente i contributi economici a realtà che vivono di volontariato e passione e che, tuttavia, qualificano pezzi di città, realizzano coesione sociale e diffondono salute e i valori positivi dello sport”, osserva Emiliano. L’avviso pubblico, da mezzogiorno di venerdì 29 giugno prossimo, è aperto alle associazioni e società sportive dilettantistiche (A.S.D. e S.S.D.) con sede legale e operativa in Puglia, che dimostrino di svolgere attività sportiva sul territorio regionale. “Lo scopo che abbiamo voluto esplicitare all’articolo 1 dell’avviso pubblico – sottolinea Piemontese – è evitare che la crisi economica causata dall’emergenza Covid-19 non determini la chiusura della miriade di realtà associative che popolano il mondo dello sport pugliese e che hanno contribuito a diffondere nella collettività una maggiore consapevolezza del legame indissolubile esistente tra pratica sportiva, attività fisico‐motoria, salute e benessere psico-fisico”. 

Chi potrà beneficiare della misura

La prima tipologia riguarda le ASD e SSD che svolgono la propria attività presso strutture o impianti sportivi di proprietà di un soggetto diverso dal richiedente, sulla base di un contratto di comodato d’uso gratuito. A tutti i soggetti in possesso dei requisiti richiesti dall’Avviso regionale, sarà riconosciuto un contributo economico di 500 euro, senza attribuzione di punteggi di sorta. La seconda tipologia riguarda le ASD e SSD che svolgono la propria attività presso strutture o impianti sportivi che sono di loro proprietà o sono di proprietà di un soggetto diverso in base a un contratto di affitto regolarmente registrato o a una convenzione da cui si deduca la spesa per l’utilizzo dell’immobile. 
Per questa secondo tipologia ci sarà una graduatoria determinata da una serie di punteggi: ai primi 500 sarà assegnato un contributo di 1.500 euro; dal 501° al 1000° posto sarà assegnato un contributo di 1.000 euro, dal 1001° posto in poi sarà assegnato un contributo di 750 euro.
Quali sono i criteri di valutazione che determineranno i punteggi? Fino a 10 punti per il numero dei contratti di collaborazione professionale o di lavoro dipendente, fino ad altri 10 punti in base agli anni di affiliazione agli Enti riconosciuti dal CONI o dal Comitato Italiano Paralimpico, fino a ulteriori 10 punti in base al numero di iscritti e tesserati alle varie discipline sportive svolte dall’ASD o dalla SSD. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come inoltrare la domanda

La procedura avverrà su base telematica e con l’assistenza e il supporto degli uffici della Sezione Amministrazione, Finanza e Controllo in Sanità - Sport per Tutti. Le istanze di richiesta del contributo dovranno essere inoltrate, pena l’esclusione, unicamente attraverso la procedura online accessibile all'indirizzo "http://www.regione.puglia.it/bandi-e-avvisi". Dopo aver compilato tutti i pannelli della procedura telematica, l’istanza deve essere trasmessa firmata digitalmente o con firma autografa, altrimenti la domanda sarà esclusa. La certezza dell'invio dell’istanza è data dalla creazione, da parte della procedura telematica, della ricevuta di avvenuto invio. Non sarà possibile integrare in alcun modo l’istanza inoltrata. La procedura online sarà disponibile a partire dalle ore 12:00 di lunedì 29 giugno fino alle ore 23:59 di lunedì 13 luglio 2020. Ma le richieste di supporto agli uffici regionali termineranno qualche ora prima, alle ore 16:00 di lunedì 13 luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mamma e figlio rischiano di annegare per il mare agitato: militare barese si getta in acqua e li salva

  • 2000 euro a 60mila pugliesi: 'Start' dalla Regione a partite iva, lavoratori autonomi e professionisti a basso reddito

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: addio a Teodosio Barresi, protagonista de LaCapaGira

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Violento scontro tra moto e suv: grave centauro, trasportato in codice rosso al Policlinico

Torna su
BariToday è in caricamento