Sanità: alla Provincia una cabina di regia per le politiche territoriali

La Provincia di Bari si candida a coordinare le politiche socio-sanitarie del territorio, proponendo un piano di azione che coinvolge Comuni, Asl e Regione. Obiettivo: sviluppare sinergie per migliorare i servizi

Si è costituita ieri mattina la cabina di regia per le politiche sociali e sanitarie del territorio provinciale, alla presenza del presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli, del direttore generale dell’Ares Puglia, Francesco Bux, del direttore generale della Asl di Bari, Nicola Pansini, del direttore generale del Policlinico di Bari, Vitangelo Dattoli, dell’assessore al Welfare del Comune di Bari, Ludovico Abbaticchio, e di numerosi rappresentanti dei Comuni del territorio. Con questa iniziativa, la Provincia si assume l'impegno di coordinare le politiche socio-sanitarie del territorio, sviluppando un rapporto stabile di collaborazione con Comuni, Asl e Regioni.

Come ha spiegato il Presidente della Provincia, Francesco Schittulli, in un momento di trasformazione per il sistema sanitario del territorio "serve una rivisitazione condivisa delle prestazioni e dei servizi erogabili attraverso l’istituzione di una cabina di regia che coinvolga tutte le istituzioni interessate". Ed è appunto questo l'impegno assunto dalla Provincia di Bari con la proposta di istituire un tavolo di coordinamento delle politiche sanitarie territoriali, accolta con soddisfazione dai rappresentanti dei Comuni e degli enti sanitari. Per il direttore generale del Policlinico di Bari, Vitangelo Dattoli, la nuova collaborazione permetterà di sviluppare e consolidare anche i progetti di collaborazione già esistenti, come quelli contro il maltrattamento dei minori o a sostegno delle persone disabili.


La cabina di regia per le politiche sociali e sanitarie del territorio provinciale di Bari sarà guidata dal presidente Schiuttulli e composta dal presidente della consulta dei sindaci, i direttori generali della Asl e del Policlinico di Bari, dell’Irccs Ospedale Oncologico di Bari, dell’Irccs “De Bellis” di Castellana Grotte, dell’ospedale “Miulli” di Acquaviva delle Fonti, della Fondazione “Maugeri” di Cassano delle Murge e dai rappresentanti delle strutture socio – sanitarie – assistenziali convenzionate.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Due monopattini del servizio sharing rubati e recuperati dalla polizia: uno rintracciato in tempo reale grazie al segnale gps

Torna su
BariToday è in caricamento