"Più risorse e maggiori certezze per il piano periferie", le Città Metropolitane incontrano a Bari il ministro Boccia

Il coordinamento degli enti che rappresentano il 50% del Pil e il 40% della popolazione nazionale ha chiesto di "fare il tagliando alla legge Delrio. Tra i primi cittadini presenti anche quelli di Roma, Torino, Palermo, Venezia e Bologna

Completare la riforma delle Città Metropolitane dando loro più risorse, ma anche più certezze per il piano delle periferie: sono alcuni dei principali argomenti affrontati a Bari nel corso del coordinamento nazionale dei sindaci metropolitani che si è riunito nel palazzo dell'ex Provincia, sul lungomare. Tra i partecipanti, oltre al 'padrone di casa', il sindaco Antonio Decaro, anche i sindaci di Firenze, Dario Nardella, coordinatore del gruppo,  Roma, Virginia Raggi, Torino, Chiara Appendino, Palermo, Leoluca Orlando, Venezia, Luigi Brugnaro, Bologna, Virginio Merola, Cagliari, Paolo Truzzu, Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, la vicesindaca metropolitana di Milano, Arianna Censi e il vicesindaco metropolitano di Genova, Carlo Bagnasco. 

Al confronto ha preso parte anche il neo ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia: "E' stata l'occasione per un confronto molto costruttivo con i sindaci - ha detto - Rappresentano il 50% del Pil del Paese, più del 40% della popolazione. Le loro responsabilità potranno essere utili nel processo dell'autonomia differenziata che abbiamo in mente, partendo dai livelli essenziali delle prestazioni, per evitare che ci siano nuovi statalismi nazionali e regionali. Le Città Metropolitane hanno rilevanza costituzionale ma non hanno certezze e risorse. E' una riforma incompiuta e abbiamo il dovere di completarla, dando loro i strumenti che chiedono, nel rispetto dei vincoli di bilancio. Abbiamo parlato del fondo per le periferie - ha rimarcato Boccia - ed + nostro dovere dare garanzie adeguate. Nei prossimi giorni ascolterò anche le Regioni, metteremo insieme tutti i pezzi. Garantisco la celerità dei tempi. Mi piacerebbe partire dalla lotta alle disuguaglianze che non sono solo tra Nord e Sud".

Decaro: "Fare tagliando a legge Delrio"

Il sindaco di Bari e presidente Anci, Decaro, ha illustrato le ragioni delle Città Metropolitane: "E' arrivato il momento di fare il tagliando alla legge Delrio (sulle autonomie locali, ndr) e stabilire le relazioni tra Consiglio metropolitano e sindaci. Bisognerebbe portare dal 6 al 10% la quota di finanziamento alle Città e chiediamo di sbloccare il piano e periferie per quei 69 enti ai quali abbiamo recuperato le risorse dal Senato e chiediamo di strutturare il piano nei prossimi anni". Per il sindaco di Bologna Virginio Merola "riprende il confronto sul piede giusto ma anche un dialogo costruttivo per una riforma delle Città e dell'autonomia. Chiediamo di andare avanti anche sulla forestazione urbana delle aree metropolitane e sul Fondo sociale affitto che non è più finanziato dal 2013". 

Raggi: "Più fondi per Tpl e Mobilità"

Virginia Raggi, sindaca di Roma, ha chiesto "più fondi anche per il trasporto pubblico locale e la Mobilità. Il tema lo stiamo affrontando da tempo. La riforma sulle Città metropolitane non ha funzionato pienamente con le principali che sono solo la manutenzione strade e le scuole ma non abbiamo fondi. I cittadini non possono più attendere". Il primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando, ha criticato le "Regioni che sono un tappo rispetto alla spesa delle Città Metropolitane, ormai quasi la stessa cosa delle periferie ma anche uno straordinario strumento di connessione territoriale. Serve, ha poi concluso il sindaco di Reggio Calabria Falcomatà, "una riforma che non tradisca lo spirito dell'unità nazionale". Dopo l'incontro, spazio per una lunga e divertente passeggiata in risciò per le vie del centro di Bari e della città vecchia, con il sindaco Decaro Cicerone tra arte, storia e tradizioni locali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Schianto con la moto alla zona industriale: muore ragazzo di 17 anni, ferito l'amico

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

Torna su
BariToday è in caricamento