Sit-in antifascista in piazza Prefettura, anche le Acli Bari-Bat in piazza contro le intolleranze

In una nota il presidente Nicola Di Pinto: "La libertà e la democrazia, conquistate con il sangue dei patrioti morti per un’Italia civile e democratica vanno sempre difese e tutelate"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Anche le Acli Bari-Bari scendono in piazza contro le intolleranze. "Ci sarà anche un presidio delle Acli Bari e Bat - annuncia una nota diffusa dall'associazione - alla manifestazione in programma martedì 25 settembre (ore 18.00) a Bari in Piazza Prefettura contro ogni forma di intolleranza e contro ogni recrudescenza fascista, in risposta ai fatti di venerdì 21 settembre, quando nel quartiere Libertà a Bari alcuni militanti dell’estrema destra di Casapound, hanno aggredito con cinghie e mazze, alcuni manifestanti antirazzisti che stavano rientrando dal corteo ‘BariNonSiLega’. Due persone sono rimaste ferite in un vero e proprio agguato. Una aggressione che riporta Bari indietro di molti anni. Ma l’aggressione non è un fatto isolato. Sono diversi gli attacchi che si sono verificati a partire da giugno. Negli ultimi mesi in Italia ci sono stati numerosi attacchi che hanno avuto come denominatore comune lo sfondo razzista. Quello di Bari è l'ultimo episodio".

"Le Acli Provinciali di Bari e Bat, attraverso una dichiarazione del proprio Presidente Provinciale Nicola Di Pinto, esprimono la propria disapprovazione su quanto accaduto: Le Acli di Bari e Bat – spiega Di Pinto - stigmatizzano e condannano la vile aggressione operata a Bari, durante un corteo da un gruppo di facinorosi pare appartenenti a gruppi neofascisti. La libertà e la democrazia, conquistate con il sangue dei patrioti morti per un’Italia civile e democratica vanno sempre difese e tutelate da coloro che riescono ad esprimersi solo con il sopruso e la violenza".
 

Torna su
BariToday è in caricamento