"Troppi ritardi, servono spiegazioni", a San Girolamo la passeggiata del centrodestra nel cantiere del waterfront

Sotto un vento gelido le opposizioni hanno effettuato una visita nell'area dove si sta riqualificando il lungomare: "Nelle prossime settimane faremo visiteremo altre zone 'incompiute' della città"

Una passeggiata sotto il vento gelido per verificare lo stato dell'arte nel cantiere del waterfront di San Girolamo, dove i lavori non sono stati ancora ultimati dopo l'avvio 3 anni fa. Il centrodestra cittadino punge l'amministrazione comunale sui ritardi delle opere, in una contrapposizione che sarà sempre più evidente nel 2018 con prospettiva Amministrative 2019. Sul lungomare invaso dall'acqua e sferzato dalle raffiche c'erano Massimo Cassano, senatore di Fi uscente e non rieletto alle ultime Politiche, i consiglieri comunali Filippo Melchiorre e Michele Caradonna (Fratelli d'Italia), Michele Picaro (Fi) e Fabio Romito (Misto), assieme ad altri colleghi del Municipio III. Gli esponenti d'opposizione hanno constatato che ci vorrà ancora tempo prima di vedere l'opera integralmente consegnata alla cittadinanza: "Ci rivolgeremo all'Anac - annuncia Filippo Melchiorre - per verificare i tempi dell'appalto e chiedere spiegazioni per i forti ritardi dell'opera. Un anno fa il sindaco, come dimostrano i video, diceva che i lavori sarebbero stati ultimati. Invece qui è tutto un cantiere. Siamo sul territorio ad ascoltare le lamentele di cittadini e imprenditori che sono costretti a fronteggiare questa situazione".

"Tour" del centrodestra nei quartieri

Il centrodestra effettuerà, nei prossimi mesi, un "tour" per fare il 'pelo' all'amministrazione cittadina: "Sono stato anche insultato dal sindaco - afferma Cassano - su questa faccenda di San Girolamo e oggi vediamo che è tutto fermo. Noi parliamo perché c'è un problema vero. Perché non è stata completata nel 2017 come detto in precedenza? Vogliamo vederci chiaro". I consiglieri comunali, davanti alla 'piastra servizi' del lungomare, la struttura centrale destinata ad ospitare associazioni e altre attività, il cui completamento avverrà dopo l'estate, chiedono di valutare bene come 'riempirla': "Non sarebbe giusto - dice Picaro - autorizzare locali commerciali che vadano in concorrenza con gli altri del quartiere. Sarebbe una beffa dopo anni di attesa e di sofferenza".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Autovelox a Santa Caterina", la voce corre su social e smartphone. La Polstrada: "Nessuna comunicazione ricevuta"

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • A folle velocità sulla statale con il lampeggiante acceso sull'auto: 55enne barese fermato nel Brindisino

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Trema la terra in Albania: doppia scossa di terremoto avvertita anche a Bari

  • Week-end del 21 e 22 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

Torna su
BariToday è in caricamento