Plafoniere da 600 euro per la nuova sede, bufera in Regione. Insorgono le opposizioni, Emiliano: "Indagheremo"

Le reazioni dopo il servizio andato in onda su La7. M5s: "Subito un Consiglio monotematico". Noi con l'Italia: "La magistratura indaghi". Il governatore istituisce un collegio di vigilanza

Ha scatenato una vera bufera politica sulla Regione Puglia il servizio andato in onda ieri sera nel programma 'Non è l'Arena' sui costi della nuova sede della Regione. L'inchiesta condotta ha portato alla luce presunte spese pazze anche sugli elementi di arredo, come le plafoniere, il cui costo si aggirerebbe sui 630 euro a pezzo (1600 il quantitativo che sarebbe stato richiesto, secondo l'inchiesta prodotta dalla redazione di Giletti, per un totale di un milione di euro).

Le reazioni della politica

Ecco perché in giornata sulla questione si sono ricorsi commenti ufficiali sul cosiddetto 'palazzo degli sprechi'. A partire dai rappresentanti in Consiglio del Movimento 5 stelle, che già in passato avevano denunciato i costi eccessivi per la costruzione della sede in via Gentile. Con una nota a firma dei consiglieri regionali, i pentastellati hanno confermato di aver portato la questione all'attenzione degli organi di controllo, ovvero Corte dei conti, Procura della Repubblica e ANAC. E annunciano che chiederanno anche una seduta di Consiglio monotematico sulla questione.

"L'unica nota positiva di una storia che sta gettando un'ombra sulle istituzioni pugliesi davanti a tutto il Paese - spiegano in una nota - è che finalmente anche uno dei dirigenti regionali interpellati l'ing. Pulli, ha confermato che, come abbiamo sempre sostenuto documenti alla mano, il costo della sede per i cittadini è di oltre 87 milioni di euro (a cui andrebbero aggiunti anche circa 6 milioni di euro di affitti per l'attuale sede del Consiglio)".

Non mancano i commenti dei rappresentanti del centrodestra in Consiglio, in particolare dagli aderenti ai partiti Direzione Italia e Noi con l’Italia. La prima richiesta è che la Procura faccia luce su eventuali illeciti nel piano spese per la realizzazione della sede. "Non commentiamo, né vogliamo entrare nel merito di vicende a noi estranee - spiegano in una nota i consiglieri Ignazio Zullo, Francesco Ventola, Luigi Manca e Renato Perrini - proprio perché a noi risulta presentata una denuncia all'Autorità Giudiziaria, come peraltro ha detto anche dall'assessore ai Lavori Pubblici, Giannini nel corso della sua intervista. Ma si faccia subito, noi per primi e i pugliesi tutti abbiamo bisogno che si faccia chiarezza".

Emiliano crea un collegio di vigilanza

Nel pomeriggio il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha deciso di formare un collegio di vigilanza per far luce sulla questione dei costi eccessivi per i lavori di realizzazione della nuova sede, tra cui appunto quello delle plafoniere. "Questo nonostante detta opera sia stata realizzata dal Consiglio Regionale e non dall’esecutivo presieduto da Emiliano" specificano dalla regione in una nota.

Nel collegio di vigilanza faranno parte Emiliano, l’assessore Gianni Giannini, il capo di gabinetto Claudio Stefanazzi, il commissario di Asset Elio Sannicandro, il direttore del dipartimento Barbara Valenzano e il capo dell’avvocatura Rossana Lanza. Si vuole così verificare "la corrispondenza alle leggi ed alle regole di economicità della condotta del direttore dei lavori - si legge - e del responsabile unico del procedimento che, in via esclusiva, avevano il compito di verificare la congruità dei costi delle suddette plafoniere".

Intanto Emiliano ha sospeso la fornitura in corso degli arredi, con il conseguente blocco dei pagamenti nei confronti della ditta che ha acquistato le plafoniere, almeno sino all'esito delle verifiche disposte. "Tanto a tutela della verità" il commento conclusivo della nota.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • I soldi,il sangue ed il @#?*%$ore di chi lavora ed ha lavorato vengono buttati come perle in bocca ai PORCI.Poi pretendono l'IRPEF regionale e comunale mentre meriterebbero di essere presi a calci nel sedere....Questa è la sinistra di Versailles ed Emiliano,Vendola,De Caro sono i nobili che gozzovigliano con stipendioni e vitalizi Dovrebbero essere giudicati da un tribunale del POPOLO per lo scempio di cui si sono resi protagonisti.Indagare su questa ditta che fornisce plafoniere a 630 euro e scoprire se ci sono appartamenti di qualche personaggio influente arredati gratuitamente

  • €60 luna, era già tanto. poi ci lamentiamo che la burocrazia è troppa! E che in Italia Appena si può, si ruba siamo abituati così.

  • dopo le dovute indagini se è stato commesso un ordine non legale, il dipendente deve essere immediatamente LICENZIATO! Emiliano fai qualcosa di buono prima di andare a casa!

  • Ammazza, io con 600 euro mi ci arredo la casa! Ah si non ho una casa! Peró mi chiedo che luce faccia una plafoniera da 600 euro....si avvicinerà alla luce divina. E per farci cosa poi? Illuminare stanze vuote di gente assenteista.

  • Non vi dannate l'anima. Andrà tutto in prescrizione e a pagare saranno i cittadini.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Polo giudiziario nelle ex Casermette: pronta nuova intesa Comune-Ministero

  • Cronaca

    Cerimonia al sacrario e corona d'alloro a Palazzo di Città: le celebrazioni per il 25 aprile

  • Attualità

    Vivibilità e sicurezza, i comitati di quartiere chiamano i candidati sindaco: "Ascoltate le nostre proposte"

  • Sport

    SSC Bari, domenica contro il Rotonda la festa promozione: il programma del club

I più letti della settimana

  • Muore soffocato durante il pranzo di Pasqua: tragedia a Monopoli

  • Tamponamento tra due auto sulla SS16: soccorsi i passeggeri. Traffico in tilt

  • Schianto sulla provinciale Monopoli-Alberobello: scontro auto-moto, muore centauro 55enne

  • Allarme bomba sul lungomare, intervengono i carabinieri: "Borsa abbandonata per terra"

  • La dea bendata bacia un ex pescatore a Mola: Gratta e Vinci da 100mila euro trovato tra i rifiuti

  • Albero si spezza per il forte vento e sfonda tir su viale Trisorio Liuzzi: grave autista

Torna su
BariToday è in caricamento