Tari, Tasi e Imu 2017: sì del Consiglio comunale dopo seduta 'fiume'

Approvate le novità sulle aliquote per quest'anno. La tassa sui rifiuti vedrà l'introduzione del servizio porta a porta e i relativi costi di avvio del servizio

Dopo una seduta fiume conclusasi in serata, il Consiglio comunale di Bari ha approvato il Piano Economico e Finanziario per l'anno 2017 con le relative aliquote Tasi, Tari e Imu. Poche le variazioni rispetto allo scorso anno. Il cambiamento più significativo riguarda l'imposta sui rifiuti, a causa dell'introduzione, a breve, del servizio di raccolta porta a porta, che vedrà da una parte un aumento dei costi e dall'altra un ampliamento delle agevolazioni. La Tari, infatti, non sarà pagata, come nel 2016, se i nuclei familiari hanno iun reddito ISEE inferiore a 5000 euro, sono formati da 6 o più persone con reddito inferiore a 25.000 euro o sono composti da ultra ottantenni con reddito inferiore a 10.000 euro.

Il Comune afferma che "secondo i dati a diposizione della ripartizione Tributi per il 2017 è aumentato il numero dei nuclei familiari che rientrano nelle fasce di esenzioni e agevolazioni. Per questa ragione l’amministrazione comunale ha stanziato in bilancio ulteriori risorse per farsi carico delle copertura di queste somme". Confermata la riduzione del 25% della parte variabile della tariffa per i nuclei familiari residenti nei quartieri che superano il 50% della differenziata. Esenzione della tassa, invece per i locali individuati dal Comune ed affidati a Onlus, per la realizzazione dei servizi sociali, a condizione che nelle convenzioni sia prevista la copertura del servizio di smaltimento dei rifiuti a carico del Comune.

Nel Pef 2017 è illustrato il nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta, in procinto di partire nelle prossime settimane: i costi di start-up si aggirano sui 2,6 milioni di euro, inseriti nel nuovo contratto di servizio stipulato dall'Amministrazione cittadina con l'Amiu, da circa 71,5 milioni di euro. Ed è proprio su questa cifra che le opposizioni hanno dato battaglia, protestando in aula sventolando grandi 'assegni' di carta dai banchi del centrodestra e del M5S, a simboleggiare "i soldi che versano ogni anno i baresi per una città sempre più sporca". 

LE ALTRE TASSE - Il Consiglio comunale ha poi detto sì alle aliquote delle altre due principali imposte, ovvero l'Imu e la Tasi. Per quanto riguarda la tassa sulla seconda casa (sulle prime non esiste alcuna imposta), sono stati previsti nuovi sconti rispetto al 2016: 50% di riduzione per tutte le famiglie che concedono l’immobile in comodato d’uso ad un parente entro il primo grado e 25% in meno per le unità immobiliari locate con contratti agevolati (nella sostanza l’aliquota agevolata dal 4 per mille dell’anno scorso si riduce al 3 per mille nel 2016). Sul fronte Tasi, invece, gli unici immobili soggetti al pagamento dell’imposta sono i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PIANO TRIENNALE OPERE PUBBLICHE - Infine, l'assemblea ha esaminato e approvato il documento relativo al periodo 2017-2019. Il piano consta di 444 interventi suddivisi nel triennio, di cui 158 (il 36% del totale) nel primo anno e i restanti 286 nella seconda e terza annualità. La dimensione economica complessiva ammonta a circa 1miliardo 227milioni di euro, di cui 158 milioni nel 2017, 468 milioni nel 2018 e 601milioni di euro nel 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento