Lotta al cancro: 10 frantoi del Barese donano un "extra" di 2 euro alla ricerca per ogni bottiglia o lattina venduta

I risultati di un recente studio italiano del gruppo di ricerca di Antonio Moschetta dell'Università di Bari, sostenuto da Fondazione AIRC, hanno dimostrato in esperimenti di laboratorio che il consumo quotidiano di olio extravergine di oliva aiuta a prevenire e combattere i tumori intestinali

Foto di repertorio

Fondazione AIRC e gli olivicoltori di Cia-Agricoltori Italiani e Italia Olivicola insieme per il progetto 'Un extra per la ricerca', l'iniziativa pensata per sostenere il lavoro dei 5mila ricercatori AIRC e valorizzare il prodotto principe della dieta mediterranea, l’olio extravergine d’oliva.

Una collaborazione articolata in diversi appuntamenti per informare il pubblico sull’importanza di adottare comportamenti e abitudini salutari per ridurre il rischio di cancro. "Da tempo, siamo consapevoli che il fumo è il rischio evitabile che più incide sulla salute.  Oggi sappiamo che anche il cibo che consumiamo può influire ed essere un prezioso alleato per la prevenzione, se insieme riduciamo altri fattori di rischio come la sedentarietà e l’obesità. Alcuni tipi di tumore – in particolare quelli che interessano esofago, stomaco e intestino – sono fra i più sensibili agli effetti di una dieta sbilanciata.Un numero crescente di studi scientifici sta dimostrando la stretta correlazione tra un’alimentazione varia ed equilibrata e la prevenzione del cancro. L’American Institute for Cancer Research ha calcolato che abitudini alimentari poco salubri sono responsabili di circa tre tumori su dieci. Inoltre, è sempre più chiaro che una dieta salutare va adottata fin dalla più tenera età, anche se non è mai troppo tardi per migliorare le proprie abitudini a tavola".

La ricerca di Antonio Moschetta dell'Università di Bari

I risultati di un recente studio italiano, sostenuto da Fondazione AIRC, hanno dimostrato in esperimenti di laboratorio che il consumo quotidiano di olio extravergine di oliva aiuta a prevenire e combattere i tumori intestinali. La scoperta, pubblicata sulla rivista Gastroenterology, è del gruppo di ricerca di Antonio Moschetta all’Università degli Studi di Bari: "L’olio extravergine di oliva tipico del nostro territorio è ricco di acido oleico, una sostanza in grado di regolare la proliferazione cellulare. In studi preclinici abbiamo potuto simulare geni alterati e stati di infiammazione intestinale, dimostrando che la somministrazione di una dieta arricchita di acido oleico è in grado di garantire notevoli benefici per la salute".

Come si legge sul sito dell'Airc "nello studio i ricercatori hanno inattivato il gene che codifica per SCD1 e hanno dimostrato che in assenza di acido oleico nella dieta, e in condizioni di diminuita produzione endogena ad opera di questo enzima, si ha dapprima infiammazione e poi lo sviluppo di tumori spontanei dell’intestino. "Se invece nella dieta si aggiunge acido oleico, si ripristina la normale fisiologia intestinale con riduzione dell’infiammazione e protezione contro la formazione dei tumori. Sfruttando le proprietà benefiche dell’acido oleico, in futuro sarà possibile ridurre l’insorgenza del tumore soprattutto nei pazienti con infiammazione intestinale o già precedentemente affetti da questa malattia, e rallentarne la crescita e migliorare i trattamenti antitumorali già in uso, potenziandone l’effetto" aggiunge Moschetta.

Il progetto 'Un extra per la ricerca'

L’olio extravergine d’oliva è il protagonista del progetto 'Un extra per la ricerca' che prenderà il via nel fine settimana, il 7 e 8 dicembre, in 40 cooperative e frantoi in molte regioni. Per ogni bottiglia o lattina di olio novello distribuita in questi due giorni, i frantoi partecipanti destineranno 2 euro ai progetti di Fondazione AIRC. 

I frantoi in provincia di Bari

Azienda Agricola De Carlo Via Xxiv Maggio 54 Bitritto 

Agricoltura Progresso Via Mariotto 5 Terlizzi

Cooperativa Lavorazione Prodotti Agricoli Via Castel Del Monte N 184 Corato

Eurocoop Soc.Coop.Agricola Str.Da Complanare S.P.231 Km 56+383 Ruvo Di Puglia

Oleificio Cooperativo Contado Toritto - Quasano Km 0 500 Toritto

Oleificio Cooperativo Cima di Bitonto – via Modugno Bitonto 

Produttori Olivicoli Bitonto Via Amm.Vacca 171 Bitonto

Oleificio Cooperativo Terra Di Olivi Di Molfetta Contrada Mino N.C. 70056 Molfetta

Frantoio Oleario Ferdinando Pappalardo Via Del Fragno 37 Altamura 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Frantoio Oleario Perniola Via Santeramo In Colle 191 Altamura 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commando assalta tir pieno di prodotti alimentari e sequestra autista: caccia ai malviventi

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: è morta Matilde Lomaglio, volto barese della tv negli anni '80

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Coronavirus in Puglia, 111 nuovi tamponi positivi: 37 casi nel Barese

  • Coronavirus in Puglia, 88 nuovi casi positivi: nel Barese registrato un decesso per Covid-19

Torna su
BariToday è in caricamento