Mense scolastiche 'green' e stoviglie ecologiche: Decaro a pranzo con i ragazzi della 'Corridoni'

Nell'istituto da lunedì scorso, come in tutte le scuole comunali in cui è attivo il servizio di refezione, sono stati introdotti bicchieri, posate e piatti biodegradabili

Il sindaco Antonio Decaro, l’assessore alle Politiche educative giovanili Paola Romano e il titolare della Ladisa Ristorazione, Vito Ladisa, hanno pranzato in mensa insieme agli alunni e alle alunne della scuola primaria Corridoni dove da lunedì scorso, come in tutte le scuole comunali in cui è attivo il servizio di refezione, sono stati introdotti bicchieri, posate e piatti biodegradabili. Il trasporto dei pasti, avviene trasporto dei pasti avviene su 8 kangoo elettrici (modello Maxi Ze Flex) a emissioni zero, per completare l'offerta 'green' delle mense scolastiche baresi.

“Quando abbiamo presentato il nuovo servizio, circa tre mesi fa - dichiara Antonio Decaro -  avevamo lanciato una sfida all'azienda e alle scuole cittadine: eliminare la plastica dalle scuole e dal servizio mensa. Oggi iniziamo questo percorso, per garantire un maggior risparmio ambientale e per avviare con i bambini un percorso educativo sulla raccolta differenziata, sul rispetto dell'ambiente e sul valore degli oggetti che utilizziamo nella nostra quotidianità. Il prossimo passo sarà coinvolgere i bambini nel percorsi di coltivazione dei prodotti che poi vengono serviti nei loro piatti, rigorosamente biocompostabili”.

“Circa 5.300 bambini pranzano ogni giorno nelle nostre mense, dove abbiamo scelto di eliminare la plastica dalla tavola utilizzando stoviglie compostabili, risparmiando così l’impiego di almeno 700mila kit all’anno - commenta Paola Romano -. Il nostro obiettivo è non solo far mangiare bene i bambini, con menu equilibrati, ma educarli a un corretto stile di vita, che passa anche per il rispetto dell’ambiente, insegnando loro a fare la raccolta differenziata e a produrre meno plastica, coerentemente con gli obiettivi fissati dall’Unione Europea per il 2021. Intanto a Bari ci portiamo avanti con il lavoro, perché pensiamo che un mondo senza plastica sia un mondo migliore. Per questo in sede di gara avevamo richiesto un servizio a basso impatto ambientale, che trova conferma anche nell’organizzazione logistica del servizio stesso, svolto su mezzi elettrici a emissioni zero”.

“In tutte le scuole comunali - prosegue Vito Ladisa - stiamo portando avanti un processo di razionalizzazione in termini di impatto ambientale perseguendo l’obiettivo fissato dall’amministrazione comunale, introducendo al contempo nuove abitudini alimentari e integrazioni su doversi tipi di alimenti. Stiamo andando verso il plastic free e per questo, se già oggi le stoviglie monouso vengono smaltite con l’umido, a breve elimineremo anche l’involucro di plastica del pane, optando per un incarto biodegradabile, e installeremo distributori di acqua in tutti i plessi scolastici per servirla nelle mense utilizzando delle brocche. Effettueremo anche la valorizzazione calorimetrica di tutto il cibo consumato, mentre l’eccedenza continuerà ad essere consegnata ad associazioni non profit cittadine”.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • La Tiella di Patate Riso e Cozze

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Ragazzo di 17 anni trovato morto in casa a Monopoli, decesso per cause naturali. Indaga la Polizia

Torna su
BariToday è in caricamento