Mille studenti in attesa di borsa di studio da un anno: la protesta degli "idonei non beneficiari"

La mobilitazione annunciata da Link-Rete della Conoscenza per il 20 settembre: "Messi a dura prova da ritardi e costretti a pesare sulle famiglie"

Sono pronti a mobilitarsi, con sit-in davanti alle sedi Adisu e negli Atenei, i mille studenti universitari pugliesi ancora in attesa, dall'anno scorso, della borsa di studio.

Si tratta dei ragazzi risultati "idonei non beneficiari" delle graduatorie dello scorso anno, che protestano contro i ritardi nell'assegnazione delle borse di studio. La protesta è organizzata a livello regionale dagli studenti di Link e Rete della Conoscenza Puglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo a settembre - scrivono i ragazzi in una nota - il nuovo anno accademico sta iniziando e in Puglia di sono ancora mille studenti e studentesse che non hanno ricevuto la borsa di studio dello scorso anno, risultando ancora “Idonei non beneficiari” nelle graduatorie. I continui ritardi hanno messo e continuano a mettere a dura prova noi studenti, costretti ad affrontare l’Università e tutte le spese che ne derivano in maniera sempre più faticosa, privati della borsa di studio e perciò obbligati a pesare sulle spalle delle nostre famiglie per quelle spese che le borse avrebbero dovuto coprire. In questo modo la borsa di studio diviene sempre meno sostegno a supporto dello studio e sempre più mero rimborso di quanto si è riusciti ad anticipare. Non riusciamo ad affrontare l’anno accademico con serenità e con la possibilità di contare sulla borsa di studio per tutte le spese di materiale didattico, trasporti, mensa, alloggio. Per ribellarci contro questa inaccettabile situazione il 20 settembre ci mobiliteremo in tutta la Regione Puglia, saremo nelle sedi Adisu e negli Atenei per ribadire ancora una volta che vogliamo l’invio immediato delle borse di studio! I tempi di erogazione della borsa di studio non sono un fattore secondario, ma un aspetto fondamentale per garantire il diritto allo studio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensionato multato al Libertà, Decaro gli telefona dopo la ramanzina: "Sbagliato comportarmi così ma doveva restare a casa"

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

  • Tredici casi di coronavirus nella residenza per anziani Villa Giovanna: tamponi anche ad altri ospiti

  • Bollettino Coronavirus: 77 nuovi contagi in Puglia, ancora decessi registrati

Torna su
BariToday è in caricamento