L'amore per la natura si impara a scuola: alla Lombardi nasce l'orto didattico

L'iniziativa avviata dall'istituto del San Paolo in collaborazione con Confagricoltura Bari: "Coltivare a scuola è un modo per imparare a conoscere il proprio territorio e l'importanza dei beni collettivi"

Piccoli 'coltivatori' crescono. Nella scuola Lombardi del San Paolo nasce l'orto didattico curato dagli alunni. L'iniziativa è la conclusione del percorso 'Coltiviamocinsieme', portato avanti dall'istituto con la collaborazione di Confagricoltura Bari-Bat. 

"Il progetto sull’orto scolastico – spiega Giuseppina Pastore, dirigente scolastica – assume il laboratorio a cielo aperto come metodologia di apprendimento privilegiata, coinvolgendo tutte le discipline e consentendo di acquisire competenze attraverso il fare. “Coltiviamocinsieme” riunisce in sé il significato della cura per la terra e le risorse naturali a disposizione, ma anche il significato delle relazioni, fondamentali per un gruppo di lavoro che prepara, semina, attende. Per poi raccogliere i frutti di un impegno comune”. Il progetto è stato coordinato dalla professoressa Stefania Soldani, tutor, e dall’esperta Nadia Di Liddo. 

“Coltivare è il gesto più antico, forse il primo che ha consentito di parlare di civiltà. Coltivare a scuola è un modo per imparare. Imparare a conoscere il proprio territorio, il funzionamento di una comunità, l'importanza dei beni collettivi e dei saperi altrui. Saperi di altre generazioni e di altre culture. Coltivare l'orto a scuola è un attività interdisciplinare adattabile ad ogni età, un'occasione di crescita”, commenta Michele Lacenere, presidente di Confagricoltura Bari-Bat.

“Gli orti scolastici rappresentano uno strumento di educazione ecologica in grado di riconnettere gli alunni con le radici del cibo, delle tradizioni e della vita. Gli studenti, in un contesto che favorisce il loro benessere fisico e psicologico, attraverso le attività di semina, cura, raccolta, compostaggio apprendono i principi dell'educazione ambientale e alimentare, imparano a leggere in chiave ecologica le relazioni che legano i membri di una società e a prendersi cura del proprio territorio”, aggiunge Vincenzo Villani, direttore di Confagricoltura Bari-Bat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’idea progettuale è stata quella di realizzare un orto didattico quale luogo di comunicazione, integrazione ed interazione. L’idea è nata dall’esigenza di creare uno spazio protetto in cui sviluppare e mantenere tutte le abilità che la persona possiede ed anche la maturazione affettiva e relazionale soprattutto nei soggetti con difficoltà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento