Al quartiere San Paolo l'impegno contro l'abbandono scolastico

L’esperienza della scuola “Grimaldi Lombardi” con il progetto OpenSpace nel racconto dell’insegnante Antonella Taldone

Foto credit Emanuela Colombo - ActionAid

L’Istruzione è l’arma più potente che puoi usare per cambiare il mondo. (N. Mandela). È ciò che ci si impegna a fare quotidianamente all’Istituto Comprensivo Grimaldi Lombardi di Bari, nel quartiere San Paolo, usare l’arma dell’istruzione per contrastare la povertà educativa e la dispersione scolastica, rendendo la scuola un luogo dove crescere e diventare competenti.

Quest’anno infatti all’ampia offerta formativa che la scuola, con la Dirigente Giuseppina Pastore, propone per arricchire i percorsi di formazione dei ragazzi si sono aggiunte, integrandosi perfettamente, le attività previste dal progetto OpenSpace, spazi di partecipazione attiva della comunità educante, che hanno coinvolto 150 alunni, docenti, genitori, educatori, attività che spaziano dalla riprogettazione partecipata degli ambienti scolastici alla realizzazione di murales, dai laboratori di teatro agli sportelli informativi, dalle palestre d’innovazione ai percorsi di orientamento e imprenditorialità, alla formazione per docenti e genitori.

I laboratori di Openspace hanno permesso ai nostri ragazzi di “aprire lo spazio” alla creatività, ai sogni, ai desideri, ai racconti dei propri vissuti attraverso percorsi artistico‐ricreativi, scientifico-tecnologici, rafforzando competenze sociali e relazionali. Vediamoli nel concreto. Laboratori di riqualificazione per la valorizzazione della scuola e dei luoghi di apprendimento con gli architetti dello studio Cucinella di Bologna: i ragazzi delle classi 1F e 2A diventati per l’occasione giovani ingegneri e architetti, con fantasia ed entusiasmo hanno immaginato, ideato, progettato e realizzato plastici degli ambienti scolastici che vorrebbero riqualificare. È emersa una scuola a misura di ragazzi: colorata, tecnologica, luogo di incontro e di relax, oltre che di studio. 

Tra il dire e il fare c’è di mezzo Openspace: a maggio alcune proposte verranno messe in opera!

Palestra dell’innovazione, realizzata da Fondazione Mondo Digitale. Prima tappa: laboratori video, con videocamera e programmi video: i giovani studenti si sono raccontati come mai avrebbero fatto con la penna: testi, storyboard, clip audio e interviste video per raccontare le loro storie personali legati ai temi: il quartiere, l’abbandono scolastico, le relazioni a scuola, il bullismo, le tradizioni del San Paolo e la cultura legata all’arte e alla storia della città. Laboratori creativi detti LOST, ovvero percorsi ad alta densità educativa contro l’abbandono: 20 ragazzi di classi diverse, con gli esperti della Fondazione Giovanni P. II, stanno attrezzando un ludobus con giochi e giocattoli in legno, con il quale viaggeranno verso le altre scuole del territorio per far conoscere la propria esperienza.
Dulcis in fundo! Laboratorio di teatro sociale con Federgat: i ragazzi della 1 C e della 1 G sperimentano e apprendono tecniche teatrali altamente formative.

Antonella Taldone
 

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • Tornano i temporali: dodici ore di allerta 'gialla' sulla Puglia

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Branco di lupi assalta allevamento nel Barese: "Decine di capre uccise"

Torna su
BariToday è in caricamento