"Condotta antisindacale", condanna Dirigenza della scuola 'Perotti' e annulla il nuovo contratto d'istituto

Accolto il ricorso di Flc-Cgil Bari e Snals-Confsal. I sindacati: "Testo del contratto di parte normativa ed economica gravemente lacunoso, non recependo l'obbligo di contrattare determinate materie rinviate dal Ccnl"

Il giudice del lavoro di Bari ha condannato il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e la dirigenza scolastica dell'istituto 'Perotti' del capoluogo pugliese per una "condotta antisindacale" e annullando il contratto d'istituto dopo il ricorso da parte di Flc-Cgil Bari e Snals-Confsal. 

La vicenda, spiegano i sindacati, riguarda proprio le trattative per il nuovo contratto che, secondo i sindacati, avrebbe visto l'imposizione, da parte della Dirigenza scolastica del 'Perotti', di "respingere sostanzialmente tutte le richieste di modifica della propria proposta e di imporre un testo del contratto di parte normativa ed economica gravemente lacunoso, non recependo l'obbligo di contrattare determinate materie rinviate dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. La firma del contratto, poi, avviene ad opera esclusivamente della metà della RSU e di una parte minoritaria della rappresentanza sindacale territoriale",

"Non siamo mai lieti di dover ricorrere allo strumento legale per contrastare metodi e linee di gestione poco democratiche nelle scuole della nostra provincia - spiegano in una nota Ezio Falco e Vito Masciale, rispettivamente segretario Flc-Cgil Bari e Snals Bari - . Purtroppo, in questa circostanza la Dirigente Scolastica dell’istituto non ci ha lasciato alcuna scelta. I nostri ripetuti inviti a continuare il confronto per trovare un consenso maggiore in un tavolo contrattuale eccessivamente contingentato (una sessione negoziale di soli 14 giorni, 4 incontri per un totale di 4 ore e 30 minuti se si eccettua l’ultimo lunghissimo incontro) per una delle cuole più complesse, popolose e “ricche” della provincia di Bari, è caduto nel vuoto. Nonostante, gli evidenti e marchiani errori contenuti nel testo di parte normativa (talvolta frutto di imbarazzanti copia/incolla fatti male, peraltro) e l’esclusione dalla contrattazione di molte materie delegate alla contrattazione dal CCNL, abbiamo dovuto registrare una condotta inspiegabile della Dirigenza che invece di ricercare l’allargamento del consenso nella delegazione sindacale, ha lavorato per alimentare la divisione della rappresentanza sindacale, arrivando a imporre la firma di un contratto perché “questo è, chi vuole lo firma”.

"Non siamo felici né soddisfatti di quanto accaduto - proseguono -  anche se da subito provvederemo a chiedere alla scuola di convocare la contrattazione integrativa per arrivare alla stipula di un contratto condiviso anche per rispetto della pronuncia del giudice".

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • Tornano i temporali: dodici ore di allerta 'gialla' sulla Puglia

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Branco di lupi assalta allevamento nel Barese: "Decine di capre uccise"

Torna su
BariToday è in caricamento