Come preparare un'ottima 'Sangria'

Anche se l'estate sta per salutarci non è mai troppo tardi per un buon aperitivo con gli amici. Ecco i passaggi e gli ingredienti per preparare la sangria fatta in casa

Anche se l'estate sta per salutarci non è mai troppo tardi per un buon aperitivo con gli amici. Se volete trascorrere una serata in compagnia gustando una bevanda originale allora la sangria è quello che fa per voi Si prepara davvero in poche mosse anche a casa: occorre frutta di stagionevino e spezie. Anche se non esiste un’unica ricetta della sangria, vi suggeriamo come regola generale, di servirla fredda e per questo bisogna che la prepariate con un po’ di anticipo, tutti i sapori hanno bisogno di tempo per miscelarsi.

Il vino giusto

Il vino deve essere giovane, dal retrogusto fruttato e molto profumato. Potete trovare nei supermercati dei vini specifici per sangria, ma diffidente da quelli che hanno già all’interno le spezie. La sangria classica è rossa, preparata appunto con un vino rosso, ma esiste anche una variante chiara e dal gusto più delicato, tipica della regione della Catalogna, preparata con vino bianco.

La frutta

La sangria originale si prepara con peschemelearancia e limone, poi si allunga con il succo di arancia. Non utilizzate quello confezionato, ma preparatelo in casa spremendo delle arance fresche. Esistono molte varianti della sangria in cui possono essere utilizzati anche altri tipi di frutta. Ottima è anche, ad esempio, con le fragole e con i frutti di bosco.

Spezie

Non devono mancare nella sangria perfetta il profumo delle spezie. Aggiungete nella preparazione delle stecche di cannella, e non la polvere, e qualche chiodo di garofano, ma senza esagerare per non alterare il gusto.

Ingredienti alcolici

Si può aggiungere del cointreau o del brandy. Dipende un po’ dal vostro gusto e anche per le proporzioni, decidete voi quanto deve essere forte. Ricordate che la sangria, come tutti i cocktail, va bevuta con moderazione.

Diluire la sangria

Come già accennato, la sangria si diluisce con succo di arancia. Inoltre, possiamo alleggerire il sapore del vino e della frutta con della semplice acqua o della gazzosa per dare alla sangria anche un tocco frizzante.

La ricetta 

  • Tagliate a cubetti due pesche noci e una mela e affettate abbastanza sottilmente un’arancia e un limone.

  • In un grosso recipiente di vetro versate mezzo litro di vino rosè e mescolatelo con 120 gr di zucchero, 2 stecche di cannella e 4 chiodi di garofano. 

  • Aggiungete poi del succo di arancia o limone e 50 gr di cointreau o brandy e lasciate riposare tutto per una notte, o per qualche ora, in frigorifero.

  • Al momento di servire aggiungete altri 500 ml di vino e 300 ml di acqua o gazzosa o succo di arancia.

Come servire la sangria

Scegliete dei bicchieri capienti e mettete all’interno prima la frutta con un mestolo e poi la parte liquida. Servite con una cannuccia e un cucchiaino e decorate con una spolverata di cannella se vi piace che si senta tanto questa spezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento