← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Servizio di ritiro ingombranti, il racconto di una cittadina: "Tre giorni per mettersi in contatto con Amiu"

Redazione

"Sono sempre stata una sostenitrice delle sue campagne sui “zozzoni” che sporcano la nostra città. Ho cercato di portare avanti la raccolta differenziata(che a casa mia è cosa ben difficile vivendo con disabili visivi). insomma ci tengo molto a vivere in una città più possibile pulita. Questa premessa per farle comprendere quanto mi abbia delusa la mia avventura con Amiu". Comincia così la lettera di una cittadina, postata sulla bacheca del sindaco Decaro e inoltrata anche alla redazione di BariToday, per raccontare le difficoltà incontrate nell'utilizzare il servizio gratuito di ritiro degli ingombranti offerto da Amiu. Un racconto fatto per offrire "un altro punto di vista (provocatorio per intenderci)" sull’argomento.

"Lei ha mai provato da privato cittadino a mettersi in contatto con l’azienda? - scrive la donna nel suo racconto - Se vuole le do i contatti e vediamo se è più fortunato di me che per parlare con un operatore ci ho messo tre( dico tre) giorni lavorativi. E non le dico che avventura diventa disfarsi di una vecchia camera da letto. Alla prima chiamata posso effettuare una sola prenotazione e smaltire metà dell’armadio. Poi devo richiamare per una seconda prenotazione e smaltire la seconda metà. Poi una terza prenotazione telefonica mi permetterebbe di poter smaltire comodini e comó ma non il letto per il quale serve una quarta chiamata".

"Facendo i conti della serva - prosegue la donna -  dato che la prima risposta mi è stata data dopo tre giorni di tentativi per smaltire la camera da letto della nonna ci metterò circa un mese sperando che le prenotazioni siano a breve scadenza. Il servizio a pagamento di Amiu necessita a mezzo fax di una richiesta di preventivo dai risvolti piuttosto nebulosi. Ora nel momento in cui ho fatto presente all’operatrice che la burocrazia di questa operazione è veramente assurda mi è stato fatto notare che il servizio è gratuito mi sono infuriata: gratuito un corno!!! Noi paghiamo giustamente delle tasse e anche piuttosto salate sull’immondizia o no???
Mi sono trovata a riflettere su quello che vedo in giro e mi è venuto da pensare: “non è che forse non proprio tutto sono zozzoni????” Io con tutta la mia buona volontà non posso inseguire per un mese l’amiu..... Qualcosa deve cambiare: chi se non lei?".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

  • Tutor limiti di velocità sulla tangenziale di Bari

  • Bari, lutto nel mondo del commercio: muore all’età di 90 anni il Cavaliere del Lavoro Giuseppe Tanzi, fondatore della storica cartoleria barese

  • Musica alta a Torre Quetta

  • Carcassa di topo in via Gentile

Torna su
BariToday è in caricamento