Le pagelle di Bari-Carpi: Wolski etereo, sorpresa Gomelt

Biancorossi sterili in attacco: Caputo e Galano a secco. Difesa in affanno contro i velocisti del Carpi. Buono l'esordio di Gomelt

Ciccio Caputo, ancora a secco

Il Bari esce sconfitto anche dal confronto con il Carpi. I galletti hanno di che recriminare per via del fallo sull'azione che ha dato il via al gol degli ospiti e per il gol fantasma non concesso a Caputo, ma ancora una volta hanno combinato poco davanti. Di seguito i giudizi.

Donnarumma 6: Salva il Bari in avvio di gara ma riesce solo a smanacciare sul colpo sotto di Mbakogu che decide l'incontro nella ripresa.

Camporese 6: Il migliore della retroguardia barese, concentrato e grintoso al punto giusto. In crescita.

Contini 5,5: Non può nulla contro la velocità del lesto Mbakogu.

Ligi 5,5: In grossa difficoltà contro i veloci attaccanti del Carpi.

Sabelli 5,5: In affanno da qualche partita, con l'ingenuo tocco di mano lascia in 10 i suoi nel momento più difficile.

Romizi 6: Il migliore del Bari soprattutto nel primo tempo. Sull'azione del gol degli ospiti subisce fallo e si fa male. Dal 54' Gomelt 6: Nota positiva della partita: il croato all'esordio non sente la pressione e disputa una buona partita. Da tenere d'occhio per il futuro.

Donati 5,5: Disputa una partita ordinata e di sostanza ma da un uomo della sua caratura ci si aspetta qualcosa in più.

Filippini 5,5: Esordio dal 1' per il laziale: schierato in un ruolo non suo, si disimpegna meglio in fase difensiva mentre latita in attacco. Dal 78' De Luca: sv

Wolski 5: Nicola gli dà la chance di giocare dall'inizio ma il polacco si trasforma rapidamente nell'uomo invisibile. Dal 56' Stoian 5: Esce un fantasma per far posto a un ectoplasma.

Galano 5,5: Qualche spunto in più rispetto alla scorsa partita ma anche da lui ci si aspetta qualche invenzione in più.

Caputo 5: Si vede negare la gioia del gol dalla terna arbitrale ma va detto anche che nel complesso della gara non è quasi mai pericoloso.

Nicola 5,5: L'approccio olistico del mister piemontese non è ancora stato pienamente assimilato da una squadra, che però va sottolineato, è stata costruita in maniera quasi priva di logica. Paga l'assenza di una prima punta e la fragilità difensiva. Se non altro non è la squadra rinunciataria vista prima del suo avvento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

  • Xiaomi apre a Casamassima: il colosso cinese sbarca nel centro commerciale, 13 assunti e premi all'inaugurazione

Torna su
BariToday è in caricamento