Fallimento Bari, tifosi contro 'l'ipotesi Canonico': "Titoli non si usurpano". L'imprenditore: "Ritiro disponibilità"

Dopo fallito salvataggio dell'Fc Bari la tifoseria si schiera contro l'idea di una ripartenza dalla serie C mediante l'acquisizione del titolo del Bisceglie. L'imprenditore: "Ritiro la proposta"

Lo striscione comparso a Palo

"Preferiamo la serie D ad una serie C senza dignità. I titoli sportivi non si usurpano alle altre città e ai loro gruppi ultras". Al termine del giorno più brutto per il calcio barese, con la prospettiva più nera - quella del fallimento della Fc Bari - diventata ormai realtà, a far sentire la propria voce sono i supporter della 'Bulldog Bari 1991'. In una breve nota, il gruppo ultras prende posizione contro l'ipotesi, emersa nelle ultime ore, di una ripartenza dalla serie C attraverso l'acquisizione del titolo del Bisceglie, a cui starebbe già lavorando il patron del club, Nicola Canonico.

Ma l'idea non piace a molti tifosi biancorossi, oltre ad aver suscitato le proteste dei supporter biscegliesi. "Pensiamo che nessuno possa arrogarsi il diritto di appropriarsi del nostro nome dei nostri simboli - proseguono i Bulldog Bari nella nota - e che sia nostro dovere opporci fermamente ad una tale ipotesi. A quei tifosi che stanno caldeggiando tale soluzione diciamo che non c’è niente di più lontano dalla mentalità ultras".

Il 'no' dei tifosi e lo striscione contro Canonico

Un 'no', quello alla 'ipotesi Canonico', che molti tifosi biancorossi stanno esprimendo anche sulla bacheca Facebook del sindaco Decaro: "Si ricominci dalla serie D, ma con dignità e serietà", è in sostanza il messaggio rivolto al primo cittadino. E intanto questa mattina, il messaggio è stato ribadito anche attraverso uno striscione apparso a Palo del Colle, nei pressi dell'abitazione del presidente del Bisceglie: "La nostra dignità non si baratta, Canonico non ti vogliamo".

Anche il sindaco di Bisceglie si oppone

La prospettiva di spostare il titolo sportivo del Bisceglie a Bari, oltre a non far piacere a tanti tifosi baresi, è inevitabilmente sgradita ai tifosi del Bisceglie. Subito dopo le dichiarazioni di Canonico, il primo cittadino di Bisceglie Angelantonio Angarano, è intervenuto ai microfoni di Antenna Sud per replicare all'imprenditore: “Esprimo il mio disappunto per questa vicenda. Il Bisceglie Calcio ha conquistato il proprio titolo sportivo sul campo. Canonico è l’anima di questa squadra. Trasferire titolo e giocatori a Bari non rientra nelle regole e nella correttezza dello sport".

La risposta di Canonico: "Ritiro la disponibilità offerta"

Lo stesso imprenditore ha commentato il gesto attraverso un post su Facebook, annunciando il ritiro della sua disponibilità: "Ad un gesto di generosità e amore per la propria squadra e città - scrive - si risponde con una incomprensibile provocazione sotto casa . Prendo atto e ritiro la disponibilità offerta, augurandomi che il titolo per la serie D finisca nelle mani di chi conosce e ama il calcio e non gli affari di altra natura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • L'arsenale dei Parisi-Palermiti-Milella in un anonimo appartamento di Japigia. Chili di cocaina pronti per i clan di tutta la città

  • Irrompono negli uffici della polizia Locale di Capurso: comandante preso a pugni in faccia e minacciato di morte

Torna su
BariToday è in caricamento